Noleggio auto e problemi di addebiti su carta di credito in funzione di garanzia » Consigli ai consumatori per evitare fregature

Noleggio di un'autovettura presso un'agenzia abilitata: spesso capita, anche dopo svariati mesi dall'affitto della vettura, di vedersi addebitati, sulla carta di credito usata a garanzia, diversi euro per presunti danni al mezzo. Ecco come fare per tutelarsi.

Un problema molto frequente segnalato da diversi consumatori attiene alle auto a noleggio e all'addebito su carta di credito, anche a molti mesi, di ingenti somme di denaro per presunti danni alle auto riconsegnate.

Di recente è anche intervenuta sul tema l'Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato (Agcm), la quale tra l'altro ha avviato un'istruttoria nei confronti di otto società di autonoleggio a lungo termine e della loro Associazione Aniasa, per accertare l'esistenza di intese restrittive della concorrenza, vietate dall'articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Si tratta di Ald Automotive Italia, Alphabet Italia Fleet Management, Arval Service Lease Italia, EuropeCar Italia, Hertz Italiana, Lease Plan Italia, Maggiore Rent e Win Rent.

Con un comunicato stampa del 13 luglio 2015, infatti, l'Agcm ha dichiarato che cinque tra le principali compagnie di autonoleggio si sono impegnate a rivedere le proprie prassi verso i consumatori.

I cittadini beneficeranno di condizioni contrattuali più chiare sulle coperture assicurative offerte e sulle fuel policies (riconsegna del veicolo con serbatoio carburante pieno/vuoto), di procedure più corrette per l'accertamento di danni ai veicoli e di informazioni più chiare sui prezzi.

L'azione comune ha avuto origine dai numerosi reclami sulle compagnie di autonoleggio pervenuti ai Centri europei dei consumatori, considerevolmente aumentati negli ultimi due anni.

Le compagnie di autonoleggio si sono impegnate ad allineare le attuali prassi di noleggio auto ai requisiti previsti dalle norme UE in materia di diritti dei consumatori, pratiche commerciali scorrette e clausole abusive.

Alcuni dei principali miglioramenti promessi includono:

  • maggiore trasparenza in fase di prenotazione online, completa informazione sulle spese obbligatorie e i costi di servizi facoltativi;
  • informazioni più chiare circa le principali condizioni contrattuali, incluso l'ammontare del deposito cauzionale bloccato sulla carta di credito del consumatore,
  • migliore informazione, in fase di prenotazione, sulle coperture assicurative opzionali e prodotti assicurativi in genere, incluse le informazioni sui prezzi, esclusioni e limiti di copertura
  • informazioni più chiare sulla c.d. fuel policy, processi di ispezione più corretti alla riconsegna dei veicoli, processi più corretti di addebito ai consumatori di costi aggiunti post noleggio (i consumatori avranno la ragionevole possibilità di contestare i danni rilevati sul veicolo prima di ogni addebito).

Si rileva infatti che spesso, anche per danni di minore entità (sotto i 100 €), al consumatore vengono addebitati costi superiori, in rapporto al deposito cauzionale bloccato sulla carta di credito (in media 600 €).

Alla riconsegna dell'auto, infatti, l'operatore dell'autonoleggio informa il consumatore dell'addebito dell'importo totale della caparra, in quanto previsto dai termini e condizioni contrattuali già accettate.

Vediamo quindi a cosa il consumatore dovrà stare attento ogni qualvolta noleggi un auto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su noleggio auto e problemi di addebiti su carta di credito in funzione di garanzia » consigli ai consumatori per evitare fregature.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.