Il giudice deve limitarsi a verificare la legittimità della sanzione comminata dal datore di lavoro al proprio dipendente ma non può modificarne l'entità

La graduazione della sanzione in relazione alla gravità dell'illecito disciplinare è espressione di una discrezionalità che rientra nel più ampio potere organizzativo quale aspetto del diritto di iniziativa economica privata che la Costituzione riconosce all'imprenditore.

I criteri di scelta adottati dall'imprenditore nell'esercizio del potere disciplinare non sono sindacabili nel merito dal giudice adito, che deve limitarsi a verificare, oltre all'esistenza dell'addebito, il rispetto delle disposizioni legislative e contrattuali in materia e, in particolare, del principio inderogabile secondo il quale le sanzioni disciplinari devono essere proporzionate alla gravità dell'infrazione.

La violazione delle disposizioni legislative e contrattuali in materia di lavoro, nonché del principio della proporzionalità rispetto alla gravità dell'illecito disciplinare, comporta l'illegittimità della sanzione comminata, senza che al giudice adito sia dato il potere di sostituirsi all'imprenditore nell'applicare altra meno grave sanzione ritenuta proporzionata all'infrazione accertata, fatto salvo il caso in cui l'imprenditore abbia superato il massimo previsto dalla legge e la riduzione consista, perciò, soltanto nel ricondurre la sanzione entro tale limite.

Questo il principio enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 22150/15.

23 dicembre 2015 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il giudice deve limitarsi a verificare la legittimità della sanzione comminata dal datore di lavoro al proprio dipendente ma non può modificarne l'entità. Clicca qui.

Stai leggendo Il giudice deve limitarsi a verificare la legittimità della sanzione comminata dal datore di lavoro al proprio dipendente ma non può modificarne l'entità Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 23 dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca