My name is Bond. Tremonti Bond!

Abbiamo affidato loro i nostri risparmi, per giunta pagando carissimi i loro servizi. Li hanno manipolati senza controllo. La cupidigia si è poi trasformata in sindrome da dipendenza come capita ai giocatori viziosi e si sono sperperati tutto, depauperando l'intero sistema.

Qualcuno ci ha lasciato le piume, ma in Italia non ci sembra e se è successo non ce l'hanno detto, anzi risulta che gli amministratori al vertice continuino a dirigere il tutto, proseguendo a godere come fantastiliardari paperoni.

Il governo ha deciso che presterà alle banche molti quattrini acciocché queste assumano la veste di mediatori tra la crisi, i bisognosi e i poveri. Vista così è come pensare di guarire un assatanato da slot machines inserendolo nel casinò, anziché in comunità.

Basti pensare a come fu (dis)applicata la legge Bersani che trattava la rinegoziazione dei mutui: gli sportellisti, ovviamente addestrati, la infrangevano alla luce del sole, rinnegandola o lucrando commissioni e interessi illegittimi.

L'intenzione di Tremonti potrebbe rivelarsi buona, ma a patto che i Bond nel Casino Royale siano sorvegliati da agenti supervisori, con lo stesso spirito dell'omonimo James.

Tremonti Bond in "Casinò Royale"

Tremonti Bond in "Casinò Royale"

1 marzo 2009 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su my name is bond. tremonti bond!.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • efisio altamura 2 marzo 2009 at 08:35

    Sì, aiutiamole pure le banche. Poi vedremo se gli aiuti statali saranno finalizzati a facilitare l'erogazione dei crediti, come dovrebbe essere, o permetterenno invece ai nostri banchieri di giocare ancora in borsa e di compiere altre spericolate acrobazie di finanza creativa.