Mutuo » La banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento

L'istituto di credito è tenuto al risarcimento dei danni al proprio cliente se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante le ripetute richieste.

Infatti, la banca deve risarcire il danno alla società costruttrice se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante i ripetuti solleciti ricevuti.

Il rifiuto ingiustificato, nonostante l'inesistenza di un obbligo specifico, costituisce una violazione del dovere di correttezza e buona fede.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 23232/13.

Mutuo e frazionamento ritardato: Considerazioni sulla pronuncia

Respinto il ricorso di una banca nei confronti di una società di costruzioni che, a seguito delle vendite delle singole unità immobiliari edificate, aveva chiesto all'istituto di frazionare i mutui esistenti.

L'istituto di credito aveva rifiutato per tre anni di eseguire il frazionamento e ciò aveva comportato un ritardo nelle vendite e nella percezione dei corrispettivi.

Per questo motivo la società aveva chiesto il risarcimento del danno patito ritenendo l'atteggiamento della banca del tutto ingiustificato, considerando anche il fatto che non esistevano pendenze nel pagamento delle rate di mutuo e che anche l'ufficio crediti speciali dell'istituto stesso aveva più volte sollecitato l'operazione.

La banca si è difesa in giudizio sostenendo che il frazionamento costituiva un'operazione non obbligatoria ma facoltativa con la conseguenza che l'eventuale ritardo non poteva generare alcun tipo di risarcimento.

Il tribunale ha respinto la domanda della società ma la corte d'appello ha ribaltato il verdetto confermato poi in Cassazione.

In particolare i giudici hanno affermato che il rifiuto ingiustificato di aderire a una prassi consolidata e il prolungato e immotivato rifiuto per oltre tre anni, nonostante i ripetuti solleciti, costituisce una violazione dei principi di correttezza e buona fede.

Ciascuna delle parti di un rapporto obbligatorio, infatti, ha concluso il collegio di legittimità, ha il dovere di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali o di quanto espressamente stabilito da singole norme di legge.

Ne conviene che dalla violazione di tale regola di comportamento può valutarsi un risarcimento danni.

21 novembre 2013 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

nozioni di base su mutui affitti e leasing, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di risarcimento danni, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori, tutela consumatori - conto corrente servizi bancari prodotti finanziari prestiti leasing mutui carte di credito e revolving

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo » la banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo » La banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca