Il mutuo dopo la separazione: i dati

In Italia sono attualmente 610 mila gli ex coniugi divorziati che stanno ancora pagando le rate del mutuo della propria casa.

Un numero enorme che rappresenta il 22,6% degli ex sposi divisi pressoché equamente fra uomini e donne.

Inoltre, il 42% dei divorziati dichiara una condizione economica più difficile e un anno dopo la separazione coniugale il 54,7% degli ex sta ancora pagando il mutuo casa.

La crisi economica, come è ovvio pensare, si fa dunque più pesante per i single e i divorziati che, oltre a dover sostenere da soli tutte le spese, spesso si trovano a dover pagare le rate del mutuo della vecchia casa.

Per questo motivo molti di loro (quasi l'11%) decide di tornare a casa dai genitori, mentre addirittura il 57% delle coppie, un anno dopo il divorzio, abita ancora sotto lo stesso tetto.

Accendere un nuovo mutuo? È praticamente impossibile.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il mutuo dopo la separazione: i dati. Clicca qui.

Stai leggendo Il mutuo dopo la separazione: i dati Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 6 marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca