Mutuo non pagato - quando la banca può avviare l'espropriazione?

Mutuo non pagato - Per l'espropriazione la banca deve attendere la scadenza del piano di ammortamento

La banca può muoversi prima che scada il mutuo o per rivalersi sull'ipoteca e/o sui garanti deve aspettare la scadenza del mutuo?

La banca può risolvere il contratto di mutuo se c'è ritardato pagamento delle rate per almeno sette volte

La banca può invocare come causa di risoluzione del contratto di mutuo il ritardato pagamento delle rate quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

La risoluzione del contratto per ritardato pagamento comporta la notifica al mutuatario della comunicazione di "decadenza del beneficio del termine" (DBT), con la quale viene richiesto il pagamento in unica soluzione del capitale residuo.

Se il mutuatario non ottempera, la banca dà avvio alle azioni esecutive nei riguardi del debitore principale con il pignoramento e la successiva espropriazione dell'immobile gravato da ipoteca, oppure, se lo ritiene funzionale ad un più rapido ed efficace rimborso del credito, procede nei confronti dei fideiussori.

15 ottobre 2012 · Loredana Pavolini

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo non pagato - quando la banca può avviare l'espropriazione?. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo non pagato - quando la banca può avviare l'espropriazione? Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 15 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti