Mutuo non più sostenibile e problema con l'abitazione

Nel 2009 ho deciso, con la collaborazione di mia madre, di comprare casa: il mutuo contratto è stato pari a € 85 mila, ma dopo poco più di un anno dall'acquisto i vigili ci hanno "sgombrato" a causa di una leggera frana a pochi passi dall'entrata. L'appartamento risulta ora inaccessibile da documentazione di vigili e comune. I lavori di rimessa in opera sarebbero a mio esclusivo carico. E non sono pochi.

Successivamente a questo episodio mia madre ha deciso di non aiutarmi a pagare più le rate del mutuo. Io però, nel frattempo ho perso il lavoro.

E' un anno che non pago. La banca mi ha messa alle strette e mi ha comunicato che ho 10 giorni di tempo per far sapere come intendo rientrare e se intendo rientrare altrimenti faranno valere l'ipoteca.

Siccome ho appena aperto una attività, e non posso permettermi il lusso di essere protestata, ho pensato di proporre alla banca una chiusura a stralcio. Per questo chiedo a voi, se si può chiedere la chiusura a stralcio prima del protesto e secondo voi, quanto potrei proporre visti i problemi verificatesi?

Il mio ragazzo dice che fino a 20.000/25.000 euro potrebbe coprirmi, ma non di più. Secondo voi ce la potrei fare?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo non più sostenibile e problema con l'abitazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.