Mutuo da pagare e recupero crediti

Mai contattare i creditori, non crediate che le procedure di recupero crediti siano così rigorose e puntuali. Un giorno la vostra pratica sarà aperta da un giovanotto della vostra età, capitato nella società di recupero crediti che ha acquistato i debiti di vostra madre defunta perchè non ha trovato nulla di meglio e rassegnato ad accontentarsi di 600 euro al mese, senza contributi pensionistici, nè ferie, nè diritti.

Quel giorno, può darsi che siano trascorsi dieci anni dall'ultima comunicazione di messa in mora inviata a vostra madre o a voi. Il debito sarà allora prescritto.

Ricordatevi, quindi, di chiedere sempre prova che vi sia stata una comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione. Da parte del creditore originario o di quello cessionario (che ha cioè acquistato il credito vantato nei confronti di vostra madre).

Potrete sempre accedere ad un accordo transattivo a saldo stralcio. La vostra posizione sarà tanto più forte quanto più tempo sarà passato.

Nello scenario peggiore, Carige vi individuerà come eredi e vi contatterà per esigere il rimborso del debito di vostra madre. Rifiuterà qualsiasi accordo a saldo e stralcio e vi intimerà il pagamento immediato pena l'iscrizione di ipoteca secondaria, se constaterà che il capitale residuo da rimborsare alla banca mutuante ed il valore di mercato attuale dell'immobile lasciano capienza al loro credito.

Prima che ciò accada, appena capirete essere questa l'intenzione di Carige, dovrete provvedere alla vendita della casa. L'importo residuo che vi resterà dopo aver rimborsato la banca che ha erogato il mutuo, versato sul conto corrente di un familiare fidato, vi consentirà di vivere tranquillamente in affitto e di mantenervi dignitosamente agli studi fino a quando, dopo la laurea, non sarete in grado di provvedere autonomamente a voi stesse.

20 novembre 2012 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca