Mutuo - quasi mai erogato a precari

Caro Jonathan, una delle problematiche delle erogazioni di mutuo in questi ultimi anni nei confronti dei giovani è proprio il tipo di contratto che questi hanno: di solito un contratto a tempo determinato, che soprattutto agli inizi non costituisce per la banca una garanzia sufficiente.

I giovani ormai sanno che di trovarsi in questa situazione: in molti casi il mutuo non è ottenibile, o comunque il reddito legato a questi contratti è molto basso.

Ne consegue che di fronte ad un reddito contenuto anche il mutuo sarà contenuto.

Perciò, di fronte a quelli che sono i prezzi degli immobili, anche se fortunatamente negli ultimi anni sono scesi abbastanza, si può magari formalmente ottenere il mutuo, ma non è sufficiente ad acquistare la casa.

Quello che succede in questi casi è che ci si fa affiancare dal genitore o dal convivente che invece ha un lavoro a tempo indeterminato.

Così, la richiesta di mutuo viene formalmente intestata a lui, e si entra nel più grande novero dei contratti a tempo indeterminato, che non a caso coprono oltre l'80% delle richieste di mutuo.

Solo in questo modo si riesce ad accedere a un'erogazione di mutuo più probabile e semplice.

9 settembre 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca