Scelta del mutuo » TAN TAEG Tasso Fisso e tasso variabile

Con il tasso fisso la rata è uguale per tutta la durata del mutuo, ma se i tassi di mercato calano non puoi approfittarne.

Il tasso variabile, invece, segue il mercato e può essere rischioso quando i tassi aumentano.

Un buon compromesso è il mutuo variabile con Cap: la rata fluttua, ma il tasso di interesse non può mai superare una certa soglia.

Se questa ha un valore simile ai tassi fissi di mercato, la scelta è conveniente.

Taeg: nell'almanacco dei mutui questa parola compare molto spesso.

E' solo un acronimo!

TAEG, cioè Tasso Annuale Effettivo Globale.

Questo dato ci dice, in sostanza, il costo totale dei mutui.

E' un costo sulla spesa, cioè l'ammontare del costo del mutuo prima casa che intendi stipulare.

Quindi il Taeg è utilissimo: se è più alto di un altro, non conviene.

Se confronti vari mutui in base al Taeg, quindi, ti rendi conto di quello che più ti conviene. Molto spesso viene indicato come Isc, indicatore sintetico di costo.

Andiamo a vedere cos'è questo Tan.

Il Tan è l'acronimo di Tasso Annuale Nominale. Ragioniamo con calma.

Il Taeg ci dice quanto ci costa per intero il mutuo giusto?

Ebbene il Tan ci dice quanto ci costa accendere un mutuo prima casa, in un anno, in interessi.

Facciamo un esempio: vogliamo un mutuo di 10.000?

Il mutuo ci costa 500 euro in un anno? Il Tan in interesse ci dice che ti costerà il 5% in un anno.

18 ottobre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su scelta del mutuo » tan taeg tasso fisso e tasso variabile.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.