La nuda proprietà come valida alternativa al contratto di mutuo

La nuda proprietà è un tipo di contratto con il quale il titolare acquista la titolarità di una casa pagando una parte del valore di stima legata all'età del venditore, mentre usufrutto o diritto di abitazione restano al venditore e alla sua morte passano al nudo proprietario.

Spese condominiali, oneri di custodia, amministrazione e manutenzione, anche non trascritti nei registri immobiliari, sono a carico dell'usufrutturario : basta comunicare l'atto all'amministratore condominiale.

Con la riforma del condominio nudo proprietario e usufruttuario rispondono solidalmente del pagamento delle spese condominiali.

Al nudo proprietario spettano le spese straordinarie e quelle necessarie per inadempimento dell'utilizzatore.

L'usufruttuario può cedere a terzi il suo diritti e può affittare casa, il titolare del diritto di abitazione no.

La Tasi tocca all'usufruttuario, il nudo proprietario non deve versare l'Imu. Entrambi devono compilare il quadro RW per il monitoraggio, riportando il codice fiscale dell'altro: mentre l'usufruttuario è soggetto passivo Ivie, il nudo proprietario invece non deve versare l'imposta

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la nuda proprietà come valida alternativa al contratto di mutuo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.