Accollo del mutuo - Il fatto

Nel caso in oggetto, una Srl aveva concluso un contratto di mutuo fondiario con un istituto di credito.

Successivamente, un privato, aveva acquistato dalla ditta un immobile gravato da ipoteca a garanzia del mutuo, con accollo di una quota capitale di mutuo.

La Banca aveva aderito all'accollo, ma senza la delibera del debitore originario.

Così facendo, il privato non era stato più in grado di sostenere il mutuo.

Allora, la Banca aveva pignorato il bene, ma era rimasta solo parzialmente soddisfatta dal prezzo di aggiudicazione.

L'istituto bancario aveva, quindi, agito per il residuo credito anche nei confronti dell'impresa costruttrice.

Quest'ultima, però, si era opposta al precetto, portando il caso in Tribunale, perchè, secondo essa, sussisteva:

  1. la carenza di legittimazione passiva;
  2. la prescrizione del diritto agli interessi exarticolo 2948, comma 4, codice civile;
  3. l'eccessivo ammontare dell'importo precettato.

Vediamole una per volta.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca