Mutuo e accollo » Rifiuto al compratore [Commento 1]

  • fantaroby74 12 febbraio 2014 at 11:35

    Un anno fa mia figlia e il compagno (coppia di fatto) hanno acquistato una casa, stipulando un mutuo cointestato e dividendosi al 50% la proprietà dell'appartamento. La quota di lui come 2a casa (in quanto già proprietario di 1a casa), mentre quella di lei come 1a casa. Ora la coppia è in crisi, pertanto vorrei sapere quali potrebbero essere gli sviluppi futuri. Il compagno vorrebbe farsi cedere l'altra quota, ma avvenendo la cessione prima dei 5 anni, mia figlia perderebbe l'agevolazione 1a casa e rischierebbe di dover pagare un sacco di soldi (circa 15.000 € ) se l'acquisto di un altro immobile non avvenisse entro 12 mesi. Con la chiusura del mercato dei mutui il rischio è molto alto. La cessione della quota di mia figlia sarebbe del tutto liberatoria nei confronti della banca? Inoltre, una volta pagata la differenza e l'eventuale sanzione, si ri-acquisirebbe la facoltà di servirsi delll'agevolazione 1a casa?

    • Annapaola Ferri 12 febbraio 2014 at 12:04

      Il trasferimento della quota di proprietà al compagno, non solleverà automaticamente sua figlia dagli obblighi assunti verso la banca. Sarà necessario, per questo, che la banca accetti un accollo liberatorio del mutuo da sua figlia al compagno.

      Infatti, l'eventuale accordo limitato esclusivamente alla cessione della quota di proprietà di sua figlia al compagno (senza contestuale accettazione dell'accollo da parte della banca) dispiega i suoi effetti solo fra i contraenti, obbligando il compagno a provvedere al pagamento delle rate del mutuo, di cui resta pro quota debitrice sua figlia. Ma, in caso di mancato rispetto degli obblighi assunti, la banca chiederà i soldi anche a sua anche figlia, che potrà poi soddisfarsi citando in tribunale il compagno.

      Infine, per quanto attiene le agevolazioni prima casa, sua figlia ne avrà diritto appena dopo il rogito notarile, nel momento in cui potrà attestare di non essere titolare, neppure per quote, di diritti di proprietà per abitazione acquistata con le agevolazioni prima casa. Questo indipendentemente dall'aver ricevuto, o meno, un accertamento fiscale.

1 2 3 5

Torna all'articolo