Un esempio di mutuo a tasso variabile con tetto massimo (CAP)

Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è il classico mutuo a tasso variabile, ma con una clausola contrattuale in più in favore del mutuatario.

La clausola recita più o meno così : "In ogni caso li tasso non potrà superare il x%". Tale garanzia accessoria può avere valore per tutta la durata del mutuo, oppure essere limitata ad un certo periodo. In quest'ultimo caso la clausola sarà di questo tipo: "Nei primi y anni il tasso non potrà superare il x%".

Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è un tipo di mutuo adatto a chi preferisce il tasso variabile (diminuzione della rata in caso di diminuzione dei tassi), ma è terrorizzato dalla possibilità di futuri eccessivi rialzi.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un esempio di mutuo a tasso variabile con tetto massimo (cap).

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Luisa 1 marzo 2011 at 17:36

    Salve..volevo sapere se per legge tutte le banche sono tenute a fare il mutuo variabile con tetto massimo,
    la mia dice che non lo fa....

    • cocco bill 1 marzo 2011 at 19:27

      Salve Luisa. Io credo che non ci sia un obbligo di legge per la banca ad erogare mutui a tasso variabile con tetto massimo.

      Per maggior sicurezza, tuttavia, le suggerisco di riproporre il suo quesito nella sezione "mutui" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.