Un esempio di mutuo a gestione autonoma

Il capitale sarà rimborsato liberamente, in base alle disponibilità finanziarie del mutuatario. Le condizioni contrattuali di questo mutuo possono essere del tipo: “Il mutuo è concesso per una durata di 20 anni al tasso nominale annuo del 5%, variabile trimestralmente in funzione dell'andamento dell'Euribor + 1,5% di spread. Il mutuatario è tenuto al pagamento mensile dei soli interessi. Il capitale potrà essere rimborsato con quote non inferiori a € 2.582,28 e nel rispetto delle seguenti condizioni: almeno il 25% del capitale dovrà essere imborsato entro il 10° anno; almeno il 50% dovrà essere rimborsato entro il 15° anno; il rimanente 50% dovrà essere restituito entro il 20° anno”.

Facciamo ora un esempio comparativo fra un tradizionale mutuo a tasso variabile ed un mutuo a gestione autonoma, per evidenziarne i diversi meccanismi. Per comodità di esposizione si ipotizza che, nel periodo preso in esame, i tassi non abbiano subito variazioni.

Mutuo a tasso variabile ventennale, importo € 51.645,69, tasso 5%, rimborso mensile. In questo tipo di mutuo la rata, calcolata come descritto nell'apposito capitolo, sarà pari a € 340,84 . Dopo il pagamento della 108^ rata (9 anni), si sarà pagato complessivamente € 36.810,59 ed il debito residuo sarà pari a € 34.552,09.

Mutuo a gestione autonoma ventennale, importo € 51.645,69, tasso 5%, rimborso mensile. L'importo della rata mensile sarà pari a € 215,19, che è stato calcolato nel modo seguente: mutuo € 51.645,69, tasso applicato 5%, pari ad un interesse annuo di € 2.582,28 . L'interesse annuo è stato diviso per 12, al fine di ricavarne un importo della rata mensile (2.582,28:12=215,19). Dopo il pagamento della 108^ rata si sarà pagato complessivamente € 23.240,52 ed il debito residuo, se non si saranno fatti versamenti aggiuntivi a titolo di rimborso capitale, sarà sempre pari agli iniziali € 51.645,69.

A questo punto dovrebbero essere chiare le differenze tra i due mutui, ma proseguiamo nell'esempio per vedere sino in fondo il funzionamento del mutuo a gestione autonoma.

Ipotizziamo che al 9° anno il mutuatario abbia una disponibilità di € 15.49 3,71 e decida di restituirli alla Banca a titolo di parziale rimborso del capitale ottenuto a mutuo. Dopo aver restituito i € 15.493,71 il nuovo debito sarà pari € 36.151,98 e, quindi, la nuova rata da pagare sarà pari a € 150,63, il 5% di 36.151,98 diviso 12 mensilità.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un esempio di mutuo a gestione autonoma. Clicca qui.

Stai leggendo Un esempio di mutuo a gestione autonoma Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 19 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tipologie e tassi di interesse del mutuo Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca