La sentenza del tribunale di pesaro sull'usura nei mutui

Come accennato, proprio in quest'ottica, è arrivata, dal Tribunale di Pesaro, la sentenza che ha ammesso la consulenza tecnica preventiva per valutare se i mutui superino o meno il tasso soglia di usura.

Il vantaggio di questa opportunità è che essa potrebbe ridurre in maniera radicale i tempi e le spese della giustizia ordinaria anche nel settore dei prestiti che vede ormai contrapporsi, con sempre maggiore frequenza, imprese e cittadini da un lato, e banche dall'altro.

Inoltre questa conciliazione favorirebbe un accordo tra le parti, senza dover neanche ricorrere all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

Il problema è che non tutti i Tribunali la ammettono: la Ctu era stata negata, prima d'oggi, da molti tribunali di merito.

27 febbraio 2014 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la sentenza del tribunale di pesaro sull'usura nei mutui. Clicca qui.

Stai leggendo La sentenza del tribunale di pesaro sull'usura nei mutui Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 27 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca