Mutui e tassi usurari » Fissati i valori fino al 31 dicembre 2013

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Tasso fisso o tasso variabile, questo è uno dei primi dubbi che deve sciogliere chi ha intenzione di accendere un mutuo o comunque di chiedere un finanziamento. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, intanto, con il decreto del 24 settembre 2013, ha reso noti i tassi effettivi globali medi applicabili dal 1° ottobre al 31 dicembre 2013. Il decreto è utile a capire quando il tasso del mutuo è effettivamente usurario.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale del 24 settembre scorso, il Ministero dell'Economia ha ufficializzato i tassi effettivi globali medi applicabili dal 1° ottobre 2013 al 31 dicembre 2013.

Al decreto è allegata una tabella in cui sono riportati tutti i tassi effettivi globali medi, riferiti ad anno, praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari (ai sensi dell'articolo 2, comma 1, legge numero 108/1996), relativamente a tale trimestre.

Ai fini della determinazione degli interessi usurari, i tassi riportati nella tabella devono essere aumentati di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori 4 punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a 8 punti percentuali.

Pertanto, a titolo di esempio, il tasso usurario per i mutui a tasso fisso garantiti da ipoteca è fissato a 10,3875, mentre per il tasso variabile il tasso soglia è pari a 8,85.

E, sempre estrapolando alcuni dati dalla tabella, si nota che per quanto concerne il leasing immobiliare, la soglia del tasso fisso è pari al 12.9 e per il variabile al 10,3.

Le banche e gli intermediari finanziari sono tenuti ad affiggere in ciascuna sede o dipendenza aperta al pubblico in modo facilmente visibile la tabella in questione.

Il decreto, infine, precisa che sono esclusi dai tassi globali medi gli interessi di mora contrattualmente previsti per i casi di ritardato pagamento.

2 ottobre 2013 · Andrea Ricciardi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.