Mutui: tassi euribor a livelli record. Per famiglie salasso da 3000 euro l'anno

La crisi dei mercati internazionali si riflette sui principali tassi Euribor.

I tassi di riferimento con cui si calcolano anche i rendimenti sui mutui continuano a salire, a dimostrazione della diffidenza che regna nel settore interbancario dopo il crack di Lehman, nonostante in due giorni la Bce abbia immesso sui mercati finanziari liquidità per oltre 100 miliardi di euro.

L'Euribor a sei mesi tocca un record storico oltre il 5%

Il tasso Euribor a una settimana avanza al 4,494% dal 4,424% di ieri

Il tasso a tre mesi avanza al 4,969% da 4,964%

Il tasso a sei mesi tocca un livello record del 5,192%

NUOVO SALASSO

A pagare - come sempre - saranno gli italiani che hanno un mutuo a tasso variabile: dunque per oltre 3,2 mln di famiglie si prevede un nuovo rincaro delle rate.

In base alle stime di Adusbef e Federconsumatori, l'aumento del tasso interbancario si tradurrà in un incremento medio di 180 euro per famiglia delle rate dei mutui, circa 3.000 euro l'anno e 9,6 miliardi di euro nel complesso.

Contando gli aumenti dovuti alla crisi finanziaria iniziata un anno fa, affermando gli esperti di Federconsumatori e Adusbef, possono essere stimate in una forbice tra 6.000 ed 8.000 miliardi di dollari (oltre un decimo del Pil mondiale), mentre in Italia la stima può essere compresa tra i 600 e gli 800 miliardi di dollari (422-570 miliardi di euro), pari a un onere teorico per ogni cittadino di 10.000 euro.

18 settembre 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui: tassi euribor a livelli record. per famiglie salasso da 3000 euro l'anno.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Osservatorio Finanziario 25 settembre 2008 at 16:54

    Anche Unicredit Banca aumenterà gli spread, la maggiorazione sui tassi Euribor e Irs, dopo Deutsche Bank, BancoPosta, Ing Direct e Credem. L'euribor continua la sua corsa al rialzo e le banche pagano i fondi per i mutui quattro volte di più di un anno fa prima della crisi dei subprime. Cosa succede quando un cliente salta una rata e il mutuo s’incaglia.

    “Anche noi aumenteremo gli spread”, la conferma è arrivata oggi ad Of-Osservatorio finanziario da parte di Pasquale Giamboi, amministratore delegato Banca per la Casa - Gruppo UniCredit a margine del convegno sui mutui retail organizzato da Atkearney, Crif, Genworth Italia e Gruppo MutuiOnline. L'aumento della maggiorazione applicata dalle banche ai tassi per i mutui era già stato annunciato da Of nell'indagine su 20 banche a un anno dalla crisi dei subprime (le banche che hanno già ritoccato all'insù gli spread sono Deutsche Bank, BancoPosta, Ing Direct e Credem mentre Barclays ha annunciato a Of che lo farà a partire dal prossimo novembre). I motivi di questa decisione derivano prima di tutto dai costi elevati per i fondi necessari per erogare i prestiti, costi che sono quadruplicati in poco più di un anno, e, in secondo luogo, dall'aumento del rischio a causa della crisi economica e dell'aumento dei tassi di riferimento: l'Euribor a tre mesi in quest’ultima settimana ha raggiunto il massimo storico dal 2000, superando quota 5,05%. Ma non è tutto: tra le motivazioni dell'aumento degli spread c'è anche il turn over dei clienti causati dal Decreto per la portabilità (surroga) dei mutui dell'ex Ministro Bersani. “Tenga presente però che oggi gli spread sono scesi da una media dell'1,49% di un anno e mezzo fa all'1,07%, con una diminuzione del 30%. I nostri ritocchi incideranno poco, quindi, rispetto a quelli del passato”, ha precisato Giamboi.

    Per quanto riguarda la convenzione ABI-Mef l'amministratore delegato di BdC ha ammesso che sarà utile soprattutto per i mutui morosi e incagliati: la morosità s’intende quando un mutuatario non fa fronte ai suoi impegni con la banca fino a sei mensilità, alla settima rata, infatti, un mutuo viene considerato “incagliato”. E' il primo dei tre passaggi verso il pignoramento, a cui seguono il periodo di “sofferenza” che attiva l'azione esecutiva e successivamente la decisione giudiziaria per l'asta dell'immobile (pignoramento). La convenzione ABI-Mef in pratica, congelando la rata ai valori del 2006, aiuta il cliente moroso o “incagliato” a tornare “in bonus”, cioè a pulire la sua situazione debitoria e ad uscire anche dall'elenco dei “cattivi pagatori” con tutti le conseguenze relative.

    “I clienti che chiedono il tasso fisso oggi sono quasi l'80%”, ha confermato Giamboi, “e in Italia siamo gli unici a proporre mutui a tasso fisso fino a 30 anni, molto onerosi per la banca, ma molto richiesti dalle famiglie”. L'unica strada per il futuro dei mutui rimane l'innovazione dei prodotti verso mutui sempre più flessibili, unita però anche ad un miglioramento continuo della rete di vendita e del rapporto con il cliente. Indispensabile per il mercato dei mutui in particolare di quelli a tasso fisso, inoltre, è il sostegno dei covered bond.
    © Of-Osservatorio finanziario