Mutui: pecoraro, serve indagine. immorale società pignoramenti

"L'allarme lanciato dall'Adusbef sul boom dei mutui casa e dei pignoramenti è estremamente preoccupante. Credo sia opportuna l'apertura di un'indagine per verificare in che modo stanno agendo le banche". Lo afferma il presidente dei Verdi e ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, commentando i dati forniti dall'associazione dei consumatori. “E' altresì censurabile - aggiunge - che sia stata istituita una società che si occupa solo di pignoramenti. Ora è necessario un intervento del governo e prevedere, in Finanziaria, misure a tutela delle famiglie in grado di fornire una risposta a questo fenomeno preoccupante”. (AGI)

12 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui: pecoraro, serve indagine. immorale società pignoramenti. Clicca qui.

Stai leggendo Mutui: pecoraro, serve indagine. immorale società pignoramenti Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 12 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca