Mutui: Lannutti, la convenzione per rinegoziare è un bluff

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Questa convenzione come l'accordo su Alitalia è un bluff: l'adesione all'accordo Abi-Tesoro conviene soltanto a coloro che rischiano il pignoramento della casa, altrimenti i mutuatari devono pretendere dalla banca la surroga o la rinegoziazione. In Italia, i pignoramenti sono aumentati del 30% nell'ultimo anno, cioè sono quasi triplicati rispetto ai precedenti andamenti di crescita che si attestavano attorno al 10-12%.

Chi aderisce alla Convenzione rimanda l'agonia e il cappio al collo: ma è solo un favore che viene fatto alle banche che ci guadagnano". Per i mutuatari, se possono, è meglio non aderire all'accordo messo a punto dal ministro Giulio Tremonti con le banche.

Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef e senatore dell'Italia dei Valori, spiega che i nodi stanno venendo al pettine.Soprattutto dopo l'inchiesta pubblicata da un sito Internet. secondo cui la riengoziazione è una favola. E a proposito della crisi finanziaria in corso che ha già superato un anno di tempo, Lannutti dice: "è più grave di quella del '29, e - secondo Adusebf - durerà altri 3-4-anni".

Poi spiega che "l'economia reale è stimata nel mondo a 45 mila miliardi di dollari - prosegue Lannutti - i derivati, soltanto quelli fuori bilancio, sono circa 800 mila miliardi di dollari. Poi ci sono quelli in bilancio. La Banca Europea dei Regolamenti non riesce nemmeno più a stare dietro alla crescita dei derivati", sottolinea.

La responsabilità di questa economia di carta è soprattutto della politica monetaria attuata prima di tutto da Alan Greenspan quando era alla guida della Fed, e in secondo luogo delle agenzie di rating Moody's, Standard & Poor's e Fitch, e naturalmente dei banchieri centrali.

Questi signori dovrebbero essere chiamati a rispondere delle proprie azioni - conclude Lannutti - e a proposito del fallimento della Lehman "se si potesse paragonare questo periodo storico con l'economia di guerra, chi ha guadagnato in questi anni banchieri, manager che hanno incassato laute stock options, e finanzieri, dovrebbero essere chiamati a rispodnere come criminali".

15 settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.