Mutui: i trucchi più comuni usati dalle banche

Riassumiamo ora, così da poter mettere chiunque in guardia, tutti i trucchi messi a punto dagli istituti di credito per sottrarre più soldi possibile a chi si presenta per chiedere un mutuo, che è spesso disposto ad accettare ogni condizione pur di ottenere il prestito.

Penali mascherate per il rimborso anticipato
Sul mutuo a tasso variabile, per esempio, la banca fissa quasi sempre solo il valore minimo, senza inserire quello massimo, per essere sicura di non perderci e per non porre limite al suo guadagno.

Dovrebbe almeno dare la possibilità di rescindere il contratto quando il tasso sale troppo, ma spesso in questi casi chiede una penale di rescissione che è vietata per legge.

L'ostacolo legale, previsto anche per i finanziamenti, è infatti aggirato facilmente. Gli istituti di credito, al posto di fare pagare la penale, provano ad addebitare delle spese di chiusura del contratto molto alte, fino a mille euro, che possono essere calcolate anche in proporzione al debito residuo.

Si tratta di penali mascherate e si possono evitare stando attenti al momento della stipula del contratto.

Occhio al contratto

C’è poi il problema delle garanzie. Quando si contrae un mutuo la banca iscrive l'ipoteca sul bene per il qualeviene concesso il prestito.

Fin qui tutto corretto. Succede però che man mano che si va avanti a pagare il mutuo, se si chiede di ridurre l'ipoteca in base a quanto è rimasto ancora da pagare la banca si rifiuta di farlo.

E la legge lo permette, anche se il buon senso direbbe il contrario.

Quindi come è possibile tutelarsi? In sede di stipula del contratto bisogna chiedere la possibilità di adeguamento dell'ipoteca in funzione di quanto mi resta da pagare.

E fare attenzione alle clausole vessatorie, spesso inserite dalle banche esclusivamente a loro favore, sfruttando la posizione dominante di cui godono e l'ignoranza della controparte.

Mutui sfavorevoli

E, se il mutuo è troppo sfavorevole per la banca, questa farà di tutto per estinguerlo.

Quando il mutuatario vende l'immobile e l'acquirente chiede di mantenere il mutuo, soprattutto se il tasso è vantaggioso, il finanziatore non ha interesse a tenere un mutuo che non gli conviene quando potrebbe negoziarne uno più vantaggioso al tasso attuale, quindi usa tutte le scuse possibili per cercare di chiuderlo.

Di solito dice di non fidarsi della solvibilità dell'acquirente e così prova a chiedere anche la garanzia del mutuatario originale.

In questo modo, anche se non riesce ad avere la doppia garanzia, raggiunge l'obiettivo di chiudere il mutuo svantaggioso.

Polizze incendio o vita

Un capitolo a parte riguarda infine le condizioni imposte dalla banca per concedere il mutuo (polizze incendio o vita), che sono illegittime quando vengono proposte senza la possibilità di scegliere tra i prodotti offerti da altre banche concorrenti.

Per quanto riguarda la polizza incendio sull'immobile vincolata a favore della banca, bisogna inoltre controllare che nel contratto sia indicata nei limiti dell'ammontare residuo e non nei limiti dell'aumentare dell'intero valore del mutuo, perché il rischio della banca è di perdere quanto manca da versare, non l'ammontare totale.

La class action

Ritornando al piano di ammortamento alla francese, secondo i calcoli di alcune associazioni dei consumatori, il costo dell'applicazione di questa pratica ammonta almeno a 10mila euro in più per un mutuo ventennale di 100mila euro, con variazioni legate al tasso di interesse applicato.

Le associazioni proseguiranno, quindi, la loto battaglia contro l'ammortamento alla francese mettendo a disposizione dei mutuatari un fac-simile di diffida e di messa in mora a partire dal mese di gennaio.

14 gennaio 2014 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca