Mutui e polizze bancarie - isvap, decreto "salva italia" e antitrust

Il nuovo regolamento ISVAP in materia di assicurazioni vendute con il mutuo

Il 6 dicembre 2011 l'ISVAP ha emanato la nuova disciplina delle polizze legate ai mutui.

La norma regolamentare che viene introdotta con il Provvedimento 2946 stabilisce che gli intermediari assicurativi, ivi incluse le banche e altri intermediari finanziari, non possono ricoprire simultaneamente il ruolo di distributori di polizze e di beneficiari (o vincolatari) delle stesse.

Si è posto fine in tal modo a un conflitto d'interesse penalizzante per i consumatori. La disposizione, che entrerà in vigore il 2 aprile 2012 in modo da offrire agli operatori un congruo periodo di adeguamento, è stata adottata al termine di un processo di pubblica consultazione che ha interessato, oltre al mercato, le principali Associazioni dei Consumatori che hanno condiviso l'impostazione del provvedimento.

L'intervento regolamentare trae origine dalla rilevazione di prassi di mercato pregiudizievoli per i consumatori nell'offerta di polizze in cui gli intermediari assumono anche la veste di beneficiari (o vincolatari), in un mercato - quello delle polizze connesse a mutui e prestiti da parte di banche e intermediari finanziari - che ha raccolto 2,4 miliardi di euro nel 2010.

Già nel 2009 l'ISVAP aveva effettuato una prima indagine sulla distribuzione delle polizze assicurative abbinate a mutui e prestiti personali, rilevando che:

  1.  le polizze abbinate a mutui e prestiti, sebbene non obbligatorie, sono di fatto imposte dalla banca e dagli intermediari finanziari al cliente quale condizione per accedere al mutuo o al prestito;
  2.  le polizze sono vendute quasi esclusivamente in forma di premio unico, da pagare anticipatamente all'atto dell'accensione del mutuo o prestito, spesso con aggiunta del premio all'importo finanziato;
  3.  la banca (o l'intermediario finanziario) richiede al cliente di essere designata come beneficiaria o vincolataria delle prestazioni offerte dalla polizza allo scopo quasi esclusivo di soddisfare propri interessi (protezione della posizione creditoria, riduzione del capitale di vigilanza, immediatezza della riscossione in caso di sinistro);
  4.  la banca (o l'intermediario finanziario) ottiene il soddisfacimento di tali interessi facendo gravare il costo della polizza sul cliente e richiedendo l'applicazione di provvigioni esorbitanti;
  5.  a causa di tali politiche di prezzo, le polizze in abbinamento a mutui o prestiti presentano aliquote provvigionali medie più elevate (44% con punte del 79%) rispetto a quelle distribuite dagli agenti (20%).

Nell'ambito della seconda pubblica consultazione, l'ISVAP nell'aprile 2011 ha effettuato una nuova indagine conoscitiva sulle polizze abbinate a mutui e finanziamenti che non ha evidenziato modifiche nelle pratiche di vendita, continuandosi a registrare l'applicazione di livelli provvigionali molto elevati, con punte dell'80% dei premi.

A mero titolo di esempio, sono risultati casi in cui ad un cliente di 40 anni per un'assicurazione temporanea per il caso di morte a copertura di un mutuo ventennale di 200.000 euro è stato chiesto un premio in unica soluzione di 9.636 euro, di cui 3.854 euro per la copertura tecnica del rischio e 5.782 euro per costi complessivi, di cui 5.011 a titolo di provvigione per l'attività di intermediazione (ossia il 52% del premio complessivo).

Mutui e vendita polizze - Pratiche commerciali scorrette per decreto "Salva Italia"

Il decreto legge 6 dicembre 2011 n° 201 - cosiddetto “Salva Italia” - ha introdotto il nuovo articolo 36-bis, "Ulteriori disposizioni in materia di tutela della concorrenza nel settore del credito".

L'articolo è volto a qualificare come pratica commerciale scorretta il comportamento di banche, istituti di credito e di intermediari finanziari i quali, ai fini di stipula di un contratto di mutuo, obblighino i clienti a sottoscrivere una polizza assicurativa erogato dal medesimo soggetto col quale il mutuo è stipulato.

Come segnalare all'Antitrust le pratiche commerciali scorrette attuate dalle banche

L’Autorità può accertare e bloccare, di propria iniziativa o su segnalazione dei soggetti interessati, le pratiche commerciali scorrette e le pubblicità ingannevoli e comparative illecite.

Ai segnalanti non sono richieste particolari formalità, versamenti a favore dell'Antitrust o l’assistenza di un avvocato.

I consumatori che intendono segnalare una pratica commerciale scorretta o una pubblicità ingannevole possono farlo:

Per consentire all'Autorità di svolgere al meglio il proprio compito di tutela è importante che i segnalanti siano il più possibile precisi e dettagliati nel descrivere i fatti e forniscano, se disponibili, copia dei documenti o dei messaggi per i quali si chiede l’intervento.

Polizze assicurative sui mutui - Entrata in vigore delle norme previste nel decreto Salva-Italia

Dal 2 aprile 2012, cambiano le procedure per la stipula delle polizze assicurative sui mutui. Come previsto dal decreto Salva-Italia, infatti, a partire da tale data, le banche che chiedono la sottoscrizione di una polizza assicurativa sulla vita per concedere un mutuo, dovranno presentare almeno due preventivi di compagnie non appartenenti al proprio gruppo. La legge, infatti, limita l'obbligo della banca all'offerta di due polizze, quindi nessun ulteriore preventivo su richiesta del cliente.

La norma dovrebbe arginare il fenomeno delle alte commissioni chieste dalle banche ai mutuatari obbligandoli a sottoscrivere una polizza del proprio gruppo bancario, senza possibilità di scelta e anche di risparmio per il consumatore.

La nuova disposizione riguarda solo le assicurazioni sulla vita, che le banche possono proporre al cliente come ulteriore garanzia sul buon fine dei pagamenti del mutuo nel lungo termine, sia a tutela della banca che del cliente stesso. Spesso le banche comprendono l'assicurazione vita all'interno di una polizza più ampia denominata «multirischi», che copre in genere i casi in cui un evento imprevisto possa intaccare la capacità di rimborso delle rate (morte, infortunio o perdita di lavoro).

Restano però fuori le polizze non legate alla vita, e non è chiaro se quelle comprese in una polizza multirischi ricadano nella disposizione.

17 dicembre 2011 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui e polizze bancarie - isvap, decreto "salva italia" e antitrust. Clicca qui.

Stai leggendo Mutui e polizze bancarie - ISVAP, decreto "Salva Italia" e Antitrust Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 17 dicembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di clausole vessatorie portabilità violazione dovere buona fede contrattuale risarcimento Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca