Mutui - ADUSBEF, non bastano rimproveri. Necessarie sanzioni

"I rimproveri del governatore di Bankitalia Mario Draghi che in una lettera ha stigmatizzato i comportamenti illegali degli istituti di credito in merito ai costi sulla portabilità dei mutui, la surroga e la cancellazione dell'ipoteca, se non accompagnati da dure sanzioni e da congrui risarcimenti dei danni a favore di 3,2 milioni di famiglie, sono fumo negli occhi". Lo dice l'Associazione dei consuamtori Adusbef, in un comunicato.

Il decreto Bersani risale al 2 febbraio 2007; quello sulla simmetria dei tassi, che impone una analoga variazione dei tassi sia sui depositi che sugli impieghi in occasione delle manovre BCE, ha consentito un illecito lucro di 6 miliardi di euro al sistema bancario, nonostante sia in vigore dal 4 luglio 2006, ben 22 mesi fa.

Il Governatore Draghi - secondo Adusbef - "deve inviare immediate ispezioni tese a quantificare con un monitoraggio le illegalità ed i comportamenti truffaldini e fraudolenti che hanno arrecato gravissimo nocumento a milioni di famiglie, già alle prese con aumenti medi sulle rate di 180 euro al mese".

Adusbef e Federconsumatori, che hanno avviato doverose class action contro le banche e la casta dei notai, con moduli di adesione pubblicati sui siti, aspettano quindi che oltre alla lettera, Bankitalia imponga il ripristino della legalità violata e doverosi risarcimenti"

Si veda anche:

La portabilità del mutuo ipotecario
Circolare ABI per favorire la portabilità dei mutui
La portabilità del mutuo ipotecario - problematiche attuative
Passare a rata fissa e durata variabile? Conviene più alle banche che ai clienti
Cambio mutuo a zero spese, ora lo dice la legge
Il mutuo te lo rinegozio io
UniCredit e Mps offrono sui mutui la revisione gratis

7 maggio 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui - adusbef, non bastano rimproveri. necessarie sanzioni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.