Multe T-RED, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Fa parte ormai della cronaca nera la nota vicenda dei dispositivi T-RED.  Si tratta di una truffa perpetrata ai danni di centinaia di migliaia di cittadini, con la complicità più o meno consapevole di numerose amministrazioni comunali.

Ma che cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Bisogna distinguere fra due tipologie di vittime del  T-RED.

La prima tipologia è quella di coloro che non hanno ancora pagato la contravvenzione: possono presentare un ricorso al prefetto, o rivolgersi al giudice di pace, chiedendo l'annullamento del verbale che ha contestato l'infrazione al Codice della Strada.

Ma dovrebbero anche allegare o far riferimento alle consulenza tecniche fatte eseguire dalle Procure che conducono le indagini, le quali hanno convalidato l'accusa di omologazione fraudolenta.

Il secondo caso è poi quello di chi ha già pagato, magari alcuni anni fa. A parte la difficoltà di ritrovare i documenti che attestano il versamento di 138 euro, più spese di notifica, chi ha subito un danno ha diritto a costituirsi parte civile in un eventuale giudizio.

Infatti, le Procure dovrebbero informare le parti offese (i multati con T-RED) della facoltà di potersi costituire parte civile per poter ottenere il ristoro del danno. Ma ve li immaginate voi migliaia di  avvocati che rappresentano centinaia di migliaia di  automobilisti davanti a un giudice dell'indagine preliminare? Ci sembra una ipotesi inverosimile e non praticabile:  non basterebbe lo stadio Olimpico di Roma  per poter contenere tutti quelli che hanno pagato le sanzioni comminate per gli arbitrari  rilievi  effettuati  dai dispositivi T-RED non omologati.

E quindi, chi ha già pagato, secondo il parere di numerosi giuristi,  può anche rivolgersi al giudice di pace per chiedere il risarcimento del danno patito.

31 gennaio 2009 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe t-red, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anonimo 16 febbraio 2010 at 18:57

    non ne posso più dei t.red cosa si può fare per far si che i comuni non continuino a rubare soldi ai cittadini.

    1 2 3