Multe sulle corsie riservate - A Milano arriva il maxiannullamento

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

ecopasss

La segnaletica stradale deve avere ovunque «visibilità» e «chiarezza» e forse dovrebbe parlare ancora meglio in un punto critico: l'ingresso in una corsia riservata ai mezzi pubbli­ci sulla corona Ecopass. Peggio: «L'indicazione ri­sulta equivoca e contradditto­ria là dove indica nel contem­po che è consentito il transito ai mezzi ‘autorizzatì e l'inizio dell'area a pagamento».

Con queste motivazioni il giudice di pace Michela Bazzini ha ac­colto il ricorso dell'automobili­sta-avvocato Federico Jannoni.  Due multe annullate: i passag­gi sotto le telecamere del 16 febbraio e del 1˚ marzo 2008. Due sabati, quando il ticket non è in vigore e il trasgresso­re in evidente buona fede.

Una sentenza destinata a fare scuo­la

«L'orientamento della colle­ga è largamente condiviso dai giudici dell'ufficio», assicura il coordinatore Vito Dattolico. Colpo di spugna su decine di migliaia di verbali (i primi dati ufficiali saranno forniti lune­dì). Dattolico fa ruotare 60 giu­dici sulle multe Ecopass e sui casi collegati, gl'ingressi vietati nelle corsie di bus, tram e taxi inaugurate sulla Cerchia dei Ba­stioni in concomitanza con il ti­cket il 2 gennaio 2008 (corso Magenta, Porta Ticinese, Vigen­tina e Vittoria, corso Italia, via Olivetani e Lamarmora).

In ca­lendario ci sono 250-300 udien­ze al giorno: se la maggioranza dei giudici rispetterà l'indica­zione, altrettante sanzioni-foto­copia saranno cancellate. Quando si apre il caso «Jan­noni contro Comune», il Comu­ne non c'è. È il 20 febbraio: il giudice legge il dispositivo del­la sentenza ma non viene ascol­tata né da un funzionario né da un vigile.

Palazzo Marino diser­ta l'aula

E' «rimasto contumace e non ha contrastato le argo­mentazioni esposte in ricorso» benché «l'onere di provare tut­ti gli elementi oggettivi e sog­gettivi dell'illecito» tocchi pro­prio alla polizia locale. Strano, no? Multa chi invade la prefe­renziale nonostante il cartello, invia il verbale da 81 euro e poi, una volta contestata, lascia la partita. Due a zero per Janno­ni. Sarà mica che il Comune sa di avere torto, avvocato Dattoli­co? «Di sicuro, se non viene ci saranno delle ragioni che saran­no evidenziate nel tempo».

È da più di un anno che i mi­lanesi denunciano le multe trappola in corso Magenta e nelle altre corsie riservate sulla linea Ecopass. Ne ha fatta una battaglia politica la Lega e a Pa­lazzo Marino non sanno come uscirne. Gli automobilisti, dal 2 gennaio 2008, non hanno an­cora capito se possono entrare.

Il cartello non è visibile né chia­ro e nella sentenza è definito «composito»

C'è un segnale di «divieto di accesso eccetto mez­zi pubblici ed autorizzati» (ter­mine sottolineato, ndr) e un pannello aggiuntivo «su cui è indicato il controllo elettroni­co » dell'Ecopass, con l'inizio dell'area a pagamento e il nu­mero della delibera di giunta (1788/2007).

Ecco: il puzzle la­scia «indubbiamente spazio ad una non corretta interpretazio­ne del cartello, secondo la qua­le i veicoli esentati da Ecopass o in regola con la specifica nor­mativa siano tra quelli a cui è consentito l'accesso, in quanto autorizzati». Lo scrive il giudi­ce e il «convincimento» è «suf­fragato dall'elevato numero di contravvenzioni della stessa in­dole». La massa è una prova.

di Gianni Santucci e Armando Stella

Per fare una domanda su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

7 maggio 2009 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Lorenzo De Santis 13 maggio 2009 at 05:12

    Infatti è alquanto non chiaro quel cartello! Chissà quante multe hanno fatto..

1 2