Multe selvagge » Manuale di sopravvivenza per l'automobilista

Vi presentiamo un manuale di sopravvivenza per le multe selvagge: suggerimenti utili al cittadino, trasgressore o meno, sempre più costretto a circolare tra semafori furbi e scritte invisibili.

I cittadini multati, perseguitati, ingiustamente munti.

Gli stessi che aspettano la sentenza sui furbetti del semaforino, quelli che a Segrate (Milano) taroccavano i tempi di attesa agli incroci, avranno certamente incorniciato la requisitoria del pm Alfredo Robledo contro politici, funzionari e imprenditori uniti in un cartello truffaldino: usare il cittadino come pollo da spennare per arricchimenti personali, con un'inequivocabile volontà dell'amministrazione comunale di arricchirsi.

Se non l'hanno fatto possono appuntarsi solo le parole che danno conferma a una sensazione diffusa: fare cassa.

Attorno alle multe, doverosamente date a chi infrange le regole, c'è anche l'esempio negativo di uno Stato che, per qualche euro in più, diventa un nemico: della buona fede, del buon senso, della buona amministrazione.

In tempi di fiducia vacillante la questione delle multe non è laterale: indica un rapporto alterato tra istituzioni e cittadini, alimentato da rancori e paradossi burocratici.

Pagare due volte una semplice infrazione per il versamento fatto in ritardo, per esempio, fa parte dell'atteggiamento punitivo che da tempo accompagna il rapporto tra automobilisti, vigili e Comuni.

Una volta bastavano gli interessi di mora, adesso si va di raddoppio in raddoppio.

Oppure: veder triplicato l'importo di una multa per non aver letto quel che sta scritto a caratteri invisibili sul retro di un normale bollettino, e cioè presentarsi al comando per verificare chi ha effettivamente lasciato l'auto in sosta vietata, appare come una pura e semplice vessazione: potrebbe essere corretta, con una formula un po' meno sleale per il cittadino che comunque ha già pagato la normale contravvenzione.

È doveroso fare tutto il possibile per ridurre l'indisciplina sulle strade e sono sempre troppi gli automobilisti che violano le norme.

Ma servono anche lealtà e semplificazioni burocratiche.

C’è un famelico assalto dei Comuni alle tasche dell'utente, ma c'è anche un'Italia che si sente inutilmente vessata: non fa il gesto dell'ombrello come Maradona, chiede solo di distinguere tra furbi e legalitari e di non essere riserva di caccia.

E i vigili? Le direttive sulle multe sono diventate politiche: loro eseguono.

Fanno quel che i superiori dicono di fare. Fare cassa.

Se certe multe, triplicate a causa di una scritta che bisogna cercare con la lente, avessero un avviso stampigliato come si fa con le sigarette il cittadino sarebbe correttamente avvertito e le sue tasche ne avrebbero un beneficio.

Ma i Comuni incasserebbero di meno.

Chi governa deve scegliere da che parte stare. Se va avanti a stare dalla parte della cassa, ed è sleale, rischia di perdere il cittadino.

21 novembre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe selvagge » manuale di sopravvivenza per l'automobilista.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.