Ma c'è ancora troppa confusione sulle multe scontate

Era stato, per primo, il Comune di Firenze a chiedere al ministero dell'Interno di esprimersi per gli avvisi sotto il tergicristallo in caso di divieto di sosta.

Situazioni in cui al trasgressore non viene consegnato un verbale.

Si è arrivati a un compromesso: il dipartimento, utilizzando frasi in puro burocratese, non entra nel merito giuridico della questione e constata che è bene riconoscere lo sconto del 30%.

Il guaio è che la prassi amministrativa del cosiddetto preavviso di accertamento non è disciplinata espressamente dal Codice della strada, ma è stata regolamentata da ciascun ufficio o Corpo di Polizia in modo autonomo.

Per questo, dopo la pubblicazione della nota, c'è molta incertezza, perchè ora lo sconto si può ottenere anche presentandosi con il foglietto rosa.

Insomma, che confusione!

30 ottobre 2013 · Gennaro Andele

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ma c'è ancora troppa confusione sulle multe scontate. Clicca qui.

Stai leggendo Ma c'è ancora troppa confusione sulle multe scontate Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 30 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info