Multe scontate e restituzione somme aggiuntive: chiarimenti

La legge di conversione del decreto del fare numero 69/2013 ha innestato nel codice stradale, dal 21 agosto 2013, la possibilità di pagare entro 5 giorni le infrazioni meno gravi con lo sconto del 30%.

Con quest’ultima circolare l'organo di coordinamento dei servizi di polizia stradale evidenzia un aspetto particolare della riforma.

Ovvero che, in alcuni casi, il trasgressore nell'effettuare il pagamento celere della sanzione amministrativa presso l'ufficio postale ha versato, entro 5 giorni dalla contestazione o notifica della multa, una somma intera, senza beneficiare dello sconto.

A parere del ministero questo pagamento eccedente l'importo dovuto fa sorgere una legittima pretesa alla restituzione di quanto indebitamente versato.

In parole povere, spiega il Viminale, il dato normativo secondo cui la somma da pagare è ridotta del 30%, se il pagamento avviene entro 5 giorni dalla contestazione o notifica della multa, non lascia spazio a dubbi.

Chi paga più del dovuto tempestivamente ha diritto alla restituzione di quanto versato in eccedenza.

L'accredito avverrà secondo le diverse modalità in uso presso ciascun comando di polizia nazionale o locale.

26 novembre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe scontate e restituzione somme aggiuntive: chiarimenti .

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.