In sintesi vecchio e nuovo Codice della strada - analisi comparata

Articolo 116 comma 1 bis - In base al  vecchio CdS, per poter guidare un ciclomotore o una minicar serviva un patentino che si otteneva frequentando un corso teorico. Alla fine del corso, i minorenni dovevano sostenere un esame finale, anche questo solo teorico. Col nuovo C.d.S. rimangono l'obbligo di patentino e l'esame teorico, ma chi vuole guidare un motorino o una minicar dovrà superare anche un esame di guida.

Art 97 comma 5 - In base al vecchi C.d.S. i meccanici (o gli stessi conducenti) che modificavano i ciclomotori o le minicar per aumentarne la velocità venivano multati da 148 a 594 euro. Chi veniva sorpreso a circolare con un ciclomotore o una minicar in grado di superare i 45 chilometri orari subiva una sanzione di 37 a 150 euro. Con l'entrata in vigore del nuovo C.d.S la multa per i meccanici diviene più salata. Si passa da un minimo di 389 a un massimo di 1.556 euro. Anche per i conducenti sorpresi alla guida di veicoli modificati sono previste sanzioni più onerose. Precisamente  da un minimo di 148 ad un massimo di 594 euro.

Art 142 comma 1 - In basa al vecchio C.d.S. sulle autostrade a tre corsie più corsia di emergenza per ogni senso di marcia, il limite massimo di velocità poteva essere esteso a 150 km/h. Il nuovo C.d.S. prevede adesso che il limite dei 150 chilometri orari possa essere esteso solo sulle autostrade a tre corsie più corsia di emergenza per ogni senso di marcia che siano dotate di un sistema Tutor.

Art 142 comma 9 - Per  il vecchio C.d.S. chiunque superava di oltre 40 km/h, ma di non oltre 60 km/h, i limiti massimi di velocità veniva sanzionato con  una multa da 370 a 1.458 euro. Ora, in base al nuovo C.d.S.  la multa aumenta: da un minimo di 500 a un massimo di 2.000 euro.

Art 142 comma 9 bis - In base al vecchio C.d.S. chiunque superava di oltre 60 km/h il limite massimo di velocità pagava una multa da 500 a 2.000 euro. Il nuovo C.d.S. inasprisce la sanzione portandola da un minimo di 779 a un massimo di 3.119 euro.

Art 158 - Il vecchio C.d.S. prevedeva,  per chi sostava negli spazi di fermata dei mezzi pubblici, nei parcheggi per le auto di invalidi, in corrispondenza di scivoli per invalidi o in corsie/carreggiate riservate ai mezzi pubblici, una multa da 78 a 311 euro. Ora, in base al nuovo C.d.S., la  multa viene rapportata al mezzo che commette infrazione. Per i ciclomotori e le minicar va da 38 a 155 euro; per auto e moto da 78 a 311 euro.

Art 80 comma 14 - Per quanto previsto dal vecchio C.d.S., chi guidava un veicolo con revisione scaduta era soggetto ad una multa compresa fra un minimo di 155 ed un massimo di 624 euro. Chi saltava la revisione per più di una volta o circolava con un veicolo sospeso in attesa di revisione, pagava una sanzione raddoppiata. Adesso, con il C.d.S. vigente, vengono aggiunte due ipotesi: a) chi è senza revisione viene sottoposto alla sospensione del veicolo. In questo caso, il veicolo può circolare solo per andare in un'officina autorizzata a effettuare revisioni o all'ufficio del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi.  b) Al di fuori da questa ipotesi, la multa per chi circola con veicolo sospeso è molto più salata: da 1.842 a 7.369 euro, a cui questa bisogna aggiungere il fermo del veicolo per 90 giorni.

Art 7 comma 13 - Con il vecchio C.d.S., chi circolava nonostante la sospensione o il divieto della circolazione (quasi sempre, si tratta di  misure antismog), pagava una multa da 74 a 296 euro.  Il nuovo C.d.S. introduce  il concetto di “classe inquinante” (ad esempio le Euro 3 e le Euro 4). Chi circola con veicoli di emissioni inferiori a quelle prescritte paga una multa da 155 a 624 euro. Per chi viene “pizzicato” per la seconda volta in due anni, c'è anche la sospensione della patente da 15 a 30 giorni.

Art 121 comma 8 - Il vecchio C.d.S. prevedeva che le prove d'esame non potessero essere sostenute prima che fosse trascorso un mese dalla data del rilascio del foglio rosa. Ora, in base al C.d.S. vigente, la norma  riguarda solo l'esame pratico. Si potrà quindi sostenere l'esame di teoria anche prima che sia trascorso un mese dal rilascio del foglio rosa.

Art 121 comma 11 - Con il vecchio C.d.S., entro la scadenza del foglio rosa si poteva ripetere, per una volta soltanto, una delle due prove d'esame. Dall'entrata in vigore del nuovo C.d.S. si potrà ripetere solo una volta l'esame pratico. Viene quindi chiarito che l'esame di teoria potrà essere ripetuto anche più di una volta.

Art 126 bis comma 4 -  Il vecchio C.d.S. stabiliva che se  l'automobilista non aveva esaurito i punti sulla patente, poteva guadagnare 6 punti semplicemente frequentando un corso di aggiornamento organizzato da autoscuole o soggetti autorizzati. Dal 31 luglio 2010, data di entrata in vigore del nuovo C.d.S. , oltre a frequentare il corso, per riacquistare i 6 punti sulla patente bisognerà anche superare una prova d'esame.

Art 126 bis comma 6 - Con il vecchio C.d.S. chi aveva perso tutti i punti sulla patente doveva sottoporsi da un esame teorico e un esame pratico di guida. Adesso, per quanto previsto dal nuovo C.d.S., oltre a chi ha perso tutti i punti, dovrà superare un esame teorico e un esame pratico anche l'automobilista che, dopo aver perso 5 punti in una sola volta, commette altre due violazioni da 5 punti entro i dodici mesi successivi.

Per fare una domanda su multe e ricorsi in genere, su cartelle esattoriali originate da multe nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo,  clicca qui.

28 luglio 2010 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su in sintesi vecchio e nuovo codice della strada - analisi comparata.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • SALVATORE 8 marzo 2011 at 22:39

    Buonasera
    volevo sapere come mi devo comportare in questo caso ! il giorno 0432011 mi e arrivata una raccomandata al momento del ritiro noto che e un verbale della polizia municipale che mi diceva omessa comunicazione dei punti della patente di euro 280,00 a seguito di un verbale eseguto il 07/07/2010, a me mai notificato contattavo la municipale i quale mi dicevano che il verbale era depositato all'ufficio postale, sono andato all'ufficio postale per il ritiro del verbale, ora mi chiedo sono passati 5 mesi di giacenza all'ufficio postale come devo fare devo pagare tutte e due, sono stato incolpato che ero alla guida con il cellulare euro 150,00 e 5 puntisulla patente che occhi questi vigili GRAZIE

    • cocco bill 9 marzo 2011 at 06:19

      Ciao Salvatore. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "multe e ricorsi" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 2