Multe – La comunicazione di non ricordare i dati del conducente al momento della violazione integra un comportamento ligio alla norma

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

“Le multe elevate agli automobilisti per il combinato disposto degli articoli 126 bis comma 2 e 180 comma 8 C.d.S., cui trae origine la contravvenzione compresa tra un minimo di € 343,35 e un massimo di € 1.376,55 “per aver omesso di comunicare i dati del conducente al momento della commessa violazione”, non prescrive particolarità formali per espletare l'incombenza legale. Ne consegue che anche la semplice comunicazione all'Ufficio di Polizia di “ non ricordare “ integra un comportamento ligio alla norma.”

Il principio espresso dal Giudice di Pace di Lecce, Dr.ssa Eleonora Dell'Anna, su ricorso predisposto dall'Avv. Francesco D’AGATA che ha sancito la nullità della multa e, quindi, l'annullamento della decurtazione dei punti e l'impossibilità di richiede la sanzione pecuniaria, segue il ricorso di una automobilista contro un verbale elevato ex articolo 180/8 C.d.S. conseguente un originario verbale per eccesso di velocità rilevato a mezzo autovelox senza contestazione immediata.

La mancanza di ricordo non può essere esclusa a priori

La proprietaria dell'autovettura sanzionata provava in giudizio di aver inviato al comando di Polizia Provinciale di Grosseto in cui ha sede l'organo accertatore un autocertificazione nella quale dichiarava di non essere in grado di ricordare chi fosse alla guida del veicolo al momento della presunta infrazione. A giudizio dei verbalizzanti, così facendo, sarebbe stato disatteso, senza giustificato motivo, l'obbligo normativamente previsto ovvero l'invito di fornire all'Ufficio di Polizia, entro il termine stabilito, la comunicazione dei dati del conducente al momento dell'infrazione.

Accolte le doglianze della ricorrente e le motivazioni in diritto del proprio difensore, il Giudicante ha chiarito che l'operato del ricorrente non integra l'omissione prevista e sanzionata dal Codice della Strada, anzi, rappresenta un comportamento diligente, operoso e ligio alla norma.

La conclusione alla quale perviene il il Giudice di Pace di Lecce bacchettando al contrario gli operatori del comando di Polizia è quella di ritenere che “ la mancanza di ricordo, soprattutto in considerazione del tempo trascorso tra la violazione e la contestazione, non può essere esclusa a priori. Diversamente ragionando vi sarebbe il rischio di una sorta di costrizione, in capo al proprietario di una autovettura affinchè dichiari anche falsamente dei dati al fine di evitare la sanzione pecuniaria…….”

Questa ulteriore battaglia del componente del dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’AGATA, era finalizzata a veder riconosciuto il diritto del cittadino - utente della strada - alla certezza della violazione contestata.

Per porre una domanda su multe e ricorsi clicca qui.

10 marzo 2009 · Giuseppe Pennuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

multe - contenuti obsoleti, z contenuti obsoleti (no flag)

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca