Multe e sconti dopo il decreto del fare » Un escamotage per il ricorso

Il decreto del Fare ha reso più facile, almeno in questa prima fase transitoria di adeguamento alle nuove norme, impugnare le multe per violazione del codice stradale.

È noto a tutti, infatti, quanto la nostra pubblica amministrazione sia lenta ad aggiornare le proprie procedure interne ai mutamenti legislativi.

Così, spesso, dopo l'emanazione di una nuova norma, gli uffici amministrativi arrancano nel districarsi sui nuovi compiti, sulle attribuzioni di competenze, o nell'aggiornare moduli prestampati.

Ed ecco, dunque, cosa sta succedendo con i nostri vigili urbani.

Come abbiamo detto fino alla nausea, chi pagherà le multe entro 5 giorni dalla comunicazione riceverà uno sconto del 30%(.

Ovviamente, però, il contravventore deve essere messo al corrente di questo diritto.

Il che vuol dire che il verbale notificato deve contenere:

  • l'avviso, rivolto al multato, che potrà pagare con una riduzione del 30% nei primi 5 giorni;
  • l'indicazione precisa (“al centesimo”) della somma che si potrà pagare entro i primi 5 giorni.

È opportuno, quindi, che il cittadino cui sia contestata la violazione del codice della strada conosca tali informazioni e le trovi ben visibili nel verbale di multa.

Questo perchè la pubblica amministrazione ha il dovere di informare il contribuente dei propri diritti negli atti a lui notificati.

Insomma, i moduli che poi verrano redatti dai vigli urbani devono essere completi in ogni loro elemento.

Infatti, la giurisprudenza ha sempre ritenuto nulle i verbali che omettano l'indicazione dei termini entro cui pagare le multe o delle modalità per presentare ricorso.

Ed è qui che casca l'asino.

I verbali di violazione del codice della strada che gli agenti della polizia municipale stanno notificando in questi giorni, non indicano ancora l'importo scontato che il multato può versare per usufruire della riduzione del 30%.

E questa è un'ottima motivazione per presentare ricorso, ricordatelo sempre.

11 settembre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe e sconti dopo il decreto del fare » un escamotage per il ricorso.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.