Multe con le auto-civetta - un utente: "Così fanno soldi"

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ancora bufera sullo scandalo semafori e sul caso multe in alcuni comuni della Valdinievole. Un lettore cerca di spiegarci i motivi del boom di contravvenzioni a Larciano: "Sono un abitante di questo Comune e conosco molto bene tutte le persone coinvolte nella vicenda, ma credo che non sia stata detta la verità. Innanzitutto il discorso delle tarature degli apparecchi è una cosa ininfluente nel discorso dei ‘famosì 600 mila euro, anche perché la postazione in località Biccimurri è tarata a 72km/h dove il limite è a 50km/h ed il giallo del semaforo in via Gramsci ha dei tempi accettabili anche perché tutti o quasi (me compreso) spesso si fermano col verde. Quello che dice il sindaco è totalmente falso.

Non conosco quasi nessun mio concittadino che abbia preso una multa in queste postazioni, sicuramente chi viene da fuori saranno i più tartassati, ma la cosa che il sindaco, l'amministrazione e il comando dei vigili urbani non dicono è che più del 50% dei soldi che provengono dalle multe sono frutto di automobili "civetta" (kangoo verde, bravo nera ecc.) che vengono messe fra i cassonetti della spazzatura ed altri luoghi adatti per fare cassa e per fregare le persone che già hanno i loro problemi.

Questa è l'unica verità dei famosi 600mila euro,io sono fortunato che non ho mai preso una multa. Questa amministrazione deve andare a casa, chi verrà dopo non farà tanto meglio di questi, anche perché in un Comune di 6000 abitanti con 55 dipendenti (15anni fa erano 20 meno e non era stato privatizzato ancora nulla o quasi) ce ne vuole di multe per pagare tutti gli stipendi".

26 settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.