Il ricorso contro le multe elevate dagli ausiliari del traffico

Ci sono due casi in cui potete fare ricorso contro le multe comminate da un ausiliari del traffico.

Primo. Nel preavviso di accertamento lasciato sul parabrezza, devono esserci i requisiti che evidenziano la sua qualifica e il suo potere. Come verificarlo? Semplice: nel verbale (che non è mai dell'ausiliario, ma del responsabile dell'ufficio accertatore) devono emergere il rapporto di lavoro con la società di gestione e l'abilitazione necessaria a redigerlo. Se manca anche uno di questi elementi, avete ottime probabilità che il ricorso venga accolto.

Secondo. L'ausiliario può consegnarvi una specie di preavviso d'infrazione, non il verbale stesso: questo vi verrà inviato a casa dall'ufficio accertatore. Invece, se l'ausiliario vi consegna il verbale, fate ricorso.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il ricorso contro le multe elevate dagli ausiliari del traffico. Clicca qui.

Stai leggendo Il ricorso contro le multe elevate dagli ausiliari del traffico Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria multe elevate dagli ausiliari del traffico Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info