Arrivata una cartella di pagamento per una multa notificata ad un indirizzo di residenza che non era più il mio

Mi è arrivata una cartella di pagamento per una multa, notificata ad un indirizzo di residenza che non era più il mio, e il postino mise sconosciuto.

Questo vecchio indirizzo risultava al pra o nella carta di circolazione. Dopo un mese l'hanno inviata direttamente all'albo pretorio, e io non ho mai ricevuto nulla. Ma è corretta questa procedura? Non potevano fare una ricerca e inviarla all'indirizzo di residenza?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su arrivata una cartella di pagamento per una multa notificata ad un indirizzo di residenza che non era più il mio.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • cloudres 12 febbraio 2013 at 12:53

    Buongiorno,

    in questi giorni seguo con costanza il vostro prezioso sito in cerca di una risposta al mio problema, trovando spesso consigli utili. Nel dubbio ho deciso di scrivervi poiché vorrei fosse analizzata una situazione più personale così da capire il da farsi, prima di cadere nel baratro Equitalia.

    Ho ricevuto una cartella esattoriale al mio corrente indirizzo di residenza riguardante il mancato pagamento di una multa (oramai maggiorata) mai notificata al giusto indirizzo. Secondo la cartella la multa (del 06/06/2009) è stata notificata la prima volta il 12/09/2009. Nel dubbio ho richiesto un certificato storico anagrafico al comune, scoprendo che il 12/03/2009 ho eseguito il cambio di residenza presso un altro indirizzo di un'altra città. Dunque ancor prima della multa avevo già cambiato luogo di residenza.

    Adesso sto preparando la lettera per il giudice di pace in cui inserirò il certificato storico anagrafico, ma oltre questo può servire qualcos'altro? Qualcosa del PRA?

    Vi ringrazio molto.

    • Simone di Saintjust 12 febbraio 2013 at 13:09

      Come indicato in tutta una serie di articoli che potrà consultare qui, deve procedere con ricorso ex art. 615 c.p.c. (opposizione all'esecuzione) con il necessario supporto di un legale.

      Purtroppo non basta una lettera al GdP, ancorché supportata da idonea documentazione in allegato.