Multa per eccesso di velocità con Telelaser » I consigli per l'impugnazione

Ricorso al giudice di pace nel caso di multa per eccesso di velocità con lo strumento del Telelaser: ecco i motivi più ragionevoli per cui è possibile impugnare il verbale.

Come chiarito dalle ultime disposizioni della normativa vigente e da alcune importanti sentenze, sia dei tribunali di merito che della Cassazione, molte delle eccezioni di invalidità della multa, manifestate all'epoca dell'entrata in funzione del telelaser, sono state in realtà superate.

Si è, infatti, affermato il principio per cui non è richiesto alcun rilievo fotografico che documenti la vettura oggetto dell'accertamento.

Inoltre, non è invalido il verbale di multa neanche in caso di mancata indicazione del numero di matricola dello strumento materialmente usato dagli accertatori né l'omessa indicazione del Decreto Ministeriale di omologa, che ha, peraltro, durata ventennale.

Per di più, non esiste allo stato alcuna norma che imponga alle amministrazioni la taratura periodica dello strumento telelaser, come anche per gli autovelox.

Gli unici obblighi da osservare sono quelli riportate nei manuali di funzionamento, i quali prevedono operazioni di auto-test da effettuare prima dell'inizio del servizio.

Altresì, qualora il rilevamento elettronico sia influenzato da fattori esterni, come nel caso di un oggetto che si frapponga tra lo strumento e l'automobile immortalata, l'accertamento dà esito negativo e nel display compare la sigla che indica errore.

La recente tecnologia ha, inoltre, contribuito a superare alcune delle eccezioni solitamente motivo di ricorso giudiziale.

Ciò perché, insieme al classico telelaser, è ormai usato dalla polizia stradale un nuovo sistema tecnicamente più avanzato che unisce un dispositivo telelaser e un personal computer palmare a una fotocamera digitale.

Con questo strumento, alla rilevazione della misurazione della velocità si aggiungono contemporaneamente una serie di rilievi fotografici che riprendono il veicolo man mano che questo si avvicina all'agente accertatore.

Grazie a queste innovazioni tecnologiche, dunque, il telelaser diventa, senz'altro, uno strumento che difficilmente commette errori dal punto di vista della qualità e sicurezza dell'immagine scattata.

Pertanto, le ipotesi di possibile accoglimento del ricorso alla multa per eccesso di velocità rilevata grazie al telelaser, si riducono in un palmo di mano.

Vale la pena, comunque, di ribadirli uno a uno.

Per l'impugnazione della multa un motivo valido, per cui sarà sicuramente accolto il ricorso presso il giudice di pace, è la mancata consegna dello scontrino che rileva la velocità o l'assoluta illeggibilità dello stesso.

Altro causa è quella in cui si fornisca la prova che la rilevazione è stata influenzata dal passaggio di altro veicolo che può aver influenzato il rilevamento della velocità.

Si potrebbe, poi, dimostrare l'ipotesi di sussistenza di un'esimente, come nel caso di chi corre in ospedale per salvare sé o altri da un pericolo imminente di vita.

Infine, sono validi tutti gli altri motivi tipici in cui manca un elemento essenziale del verbale che ne inficia irrimediabilmente la sua validità, come ad esempio la firma del verbalizzante, o la data o l'ora

30 luglio 2014 · Giovanni Napoletano

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa per eccesso di velocità con telelaser » i consigli per l'impugnazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.