Sosta su strisce blu - inadempienza contrattuale e multa

Sosta su strisce blu: quando c'è inadempienza contrattuale e quando la multa - La nota del Ministero dei Trasporti

Chi espone un ticket scaduto in una zona soggetta a tariffa oraria non incorre in una multa stradale ma in una inadempienza contrattuale. Chi omette completamente di esporre lo scontrino è soggetto ad una multa di 41 euro.

All'esame di questi aspetti, scontrino sì/scontrino no, è stata addirittura dedicata una nota interpretativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: la numero 53284 del 12 maggio 2015.

In pratica, nella sosta limitata o regolamentata è possibile incorrere nelle seguenti violazioni che sono sanzionate dal Codice della Strada:

  1. Ove non venga posto in funzione il dispositivo della sosta, ovvero non venga indicato l'orario di inizio della sosta, si incorre nella sanzione prevista dall'art. 157 co. 8 del CDS (da euro 41 a euro 168);
  2. Ove la sosta si protragga oltre l'orario per il quale è stata corrisposta la tariffa, si incorre nella sanzione prevista dal comma 15 dell'art. 7 del CDS (da euro 25 a euro 99 per ogni periodo di 24 ore per il quale si protrae la violazione);
  3. Con riferimento inoltre alla sola protrazione della violazione, quale requisito costitutivo della fattispecie illecita, si incorre nella sanzione prevista dal comma 15 dell'articolo 7 del CDS in presenza di una reiterazione della condotta.

La violazione della regolazione comunale della sosta è sanzionata dal Codice della strada (solo a titolo esemplificativo si cita anche la violazione del comma 14 dell'art. 7 - da euro 41 a euro 168) oltre alle attività di autotutela contrattuale previste dalle clausole penali eventualmente previste dalle società di gestione dei parcheggi.

Il caso in cui non sia possibile applicare la sanzione ai sensi del Codice della strada è riferito alla fattispecie della Sosta NON Regolamentata (ovvero della sosta tariffata indeterminata) che è una delle fattispecie che il Codice della strada lascia alla facoltà dei Comuni di non regolamentare ed in particolare dei Sindaci e delle giunte comunali rispettivamente con le ordinanze della sosta e con la adozione della regolamentazione della sosta.

La nota ministeriale, inoltre, specifica che il solo regime tariffario (sosta tariffata indeterminata) non costituisce elemento caratterizzante della sosta regolamentata. Specifica inoltre che per Sosta Regolamentata, la stessa deve contenere oltre la previsione della tariffa anche altri elementi tra i quali - a titolo esemplificativo - il diverso regime della sosta a seconda delle differenti zone urbane, delle differenti tipologie di veicoli, delle differenti fasce orarie, dei differenti veicoli/utenti della strada distinguendo tra residenti e non residenti, differenti orari diurni e notturni e giorni feriali e giorni festivi, ecc...

Pertanto, ove la sosta non è regolamentata ovvero in assenza degli elementi di regolazione e in presenza della sola tariffazione a tempo indeterminato (puoi sostare quanto puoi purché paghi), non si applicano le sanzioni previste dal codice della strada e solo nel caso di protrazione della sosta oltre il termine di pagamento effettuato.

Sosta su strisce blu: quando c'è inadempienza contrattuale e quando la multa - La sintesi

Nelle aree a pagamento (senza limiti orari di durata massima della sosta), la mancata esposizione del ticket comporta la sanzione di 41 euro, prevista dall’articolo 7/14° cds.

In queste aree, se il contrassegno viene regolarmente esibito sul cruscotto ma la sosta si prolunga oltre al periodo consentito, non scatterà alcuna multa stradale ma solo un’eventuale procedura di recupero delle somme non corrisposte (stabilite da un apposito regolamento comunale ai sensi dell’art. 17/132° della legge n. 127/1997).

Lo stesso recupero tariffario potrà essere avviato anche nel caso dell’utente completamente abusivo che oltre alla multa collezionerà anche una richiesta di recupero delle somme non corrisposte.

Molti Comuni hanno istituito zone blu con limitazione oraria di parcheggio. In queste aree in pratica è consentito parcheggiare pagando il ticket e mantenendo però occupato lo spazio non oltre ad un certo numero di ore.

In questa particolare ipotesi per il conducente completamente abusivo scatteranno tutte le misure analizzate in precedenza ma anche un’ulteriore multa da 25 euro (ai sensi dell’art. 7/15° cds) per ogni periodo per il quale si protrae abusivamente la violazione.

In buona sostanza, se in queste zone non viene attivato il dispositivo di controllo della durata della sosta, la multa è di 41 euro. Per ogni protrazione indebita sono 25 euro di sanzione.

26 giugno 2015 · Giuseppe Pennuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sosta su strisce blu - inadempienza contrattuale e multa. Clicca qui.

Stai leggendo Sosta su strisce blu - inadempienza contrattuale e multa Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 26 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 24 agosto 2015 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca