Multa per grattino scaduto - La Cassazione

Peraltro, su questo punto si era già espressa la Corte di Cassazione, che con la sentenza 23543/2009, aveva stabilito che: Quale che sia la natura (se di corrispettivo, tassa ect.) del pagamento imposto per la sosta a "tempo", è certo che l'omesso pagamento di quanto dovuto in ragione della protrazione della stessa oltre il periodo indicato nel titolo esposto, configuri l'inosservanza di una prescrizione o limitazione attenente alla relativa "durata" (espressamente contemplata dall'articolo 7 C.d.S., comma 1, lettera f) con conseguente sanzionabilità della relativa inosservanza ai sensi dello stesso articolo 7, comma 14, indipendentemente dalla sussistenza di possibilità d'intralcio o di pericolo alla circolazione. D'altra parte le modalità, legittimamente prescritte, di regolamentazione della sosta "onerosa" in relazione al tempo, comportano "in re ipsa" l'onere per l'utente di prevederne la durata e regolare il pagamento anticipato in relazione alla relativa previsione con conseguente abusività, non necessitante di alcun espressa e pubblicizzata comminatoria (derivando la liceità della relativa condotta dall'osservanza delle regole menzionate) di "penali" e simili, non essendo prevista siffatta pubblicità da alcuna specifica disposizione codicistica o regolamentare.

Questo, rifacendosi sulla pronuncia 14736 del 2006, che sanciva: in tema di violazioni al codice della strada , l'irrogazione, da parte del Comune, di una sanzione amministrativa in caso di parcheggio dell'autovettura senza esposizione del tagliando comprovante il prescritto pagamento non è preclusa dal fatto che il parcheggio sia gestito in concessione da un privato e che per il mancato pagamento del posteggio sia prevista dal concessionario una specifica penale, la quale attiene esclusivamente al rapporto privatistico fra utente e concessionario e non costituisce una alternativa al potere sanzionatorio dell'ente pubblico

Nel caso in questione, i giudici di Piazza Cavour, avevano accolto il ricorso di un amministrazione comunale, contro un giudice di pace, che, in tema di "grattino scaduto", aveva professato l'illegitimità della contravvenzione e annullato la multa ad un automobilista.

La Suprema Corte, infine, l'ha condannata al pagamento di 400,00 euro e delle spese processuali.

Forse, era meglio pagare i 24,00 euro iniziali, o al massimo, per la prossima volta, munirsi di un cronometro.

11 aprile 2013 · Gennaro Andele

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa per grattino scaduto - la cassazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.