La multa effettuata con telelaser è valida anche senza la foto se sono presenti le attestazioni dei verbalizzanti

La prova testimoniale effettuata da cittadini è irrilevante sulla multa comminata per eccesso di velocità accertata con telelaser: le attestazioni dei verbalizzanti hanno un fede privilegiata con riferimento alle verifiche e all'apparente funzionamento dell'apparecchio.

Nel caso un apparecchio di controllo elettronico della velocità, come il telelaser, indichi che un'autovettura andasse a velocità superiore a quella consentita e spuntasse un testimone pronto a giurare il contrario, cosa succederebbe?

Beh, con la pronuncia in esame, gli Ermellini hanno chiarito che, in caso di eccesso di velocità rilevato dagli agenti con le apparecchiature telelaser il cittadino non può contestare la sanzione utilizzando la testimonianza di terzi soggetti.

E questo perché, nel confronto tra le dichiarazioni degli agenti che hanno attestato il corretto funzionamento dello strumento di rilevamento elettronico della velocità e quelle del testimone, le prime hanno una cosiddetta fede privilegiata, ovvero sono considerate come le dichiarazioni di un notaio, e possono essere contestate solo con una querela di falso.

Del resto, anche le apparecchiature debitamente omologate, possono essere considerate come fonti di prova, anche se non viene rilasciata, proprio come nel caso del telelaser, la documentazione fotografica dell'avvenuta infrazione.

L'attestazione, dunque, della polizia stradale, insieme alla rilevazione elettronica, è assistita da un efficacia probatoria più forte della prova testimoniale, almeno fino alla proposizione della querela di falso.

Da ciò conviene che, in presenza di personale dell'amministrazione competente, la verbalizzazione è garanzia sufficiente dell'affidabilità della multa. Per superarla, infatti, non sono sufficienti le opinioni espresse da eventuali testimoni.

16 aprile 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca