Multa e richiesta di audizione al prefetto » considerazioni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Un'automoblista multato potrebbe presentare, anche se ritiene comunque di avere torto, la richiesta di audizione personale nel proprio ricorso al Prefetto, contando sul fatto che di essa, molto spesso, non si tiene conto.

Così facendo, presentando successivamente un ricorso al Giudice di Pace nei successivi 30 giorni dall'emissione, si può impugnare l'ordinanza ingiunzione illegittima e vedersi definitivamente annullata la multa.

L'ordinanza ingiunzione può quindi essere annullata, in un successivo giudizio davanti al giudice di pace, se la Prefettura non riesce a provare l'avvenuta convocazione richiesta dal ricorrente.

Agli atti del processo, quindi, deve essere prodotto l'avviso di ricevimento che provi che l'interessato ha effettivamente ricevuto l'avviso di convocazione.

L'onere di provare la notifica dell'invito all'audizione grava ovviamente sulla pubblica amministrazione.

Quest’ultima, quindi, deve fornire i dati che dimostrino che la notifica dell'avviso di convocazione sia stata eseguita, ad esempio con individuazione del numero postale della raccomandata, nonché gli atti attestanti l'avvenuta ricezione di tale invito da parte dell'opponente, suffragandone la regolarità.

Ricordiamo in ultimo che, nel caso in cui sia stata fatta richiesta per l'audizione personale, il termine che ha il prefetto per decidere sul ricorso (120 giorni dalla ricezione del verbale, del ricorso e degli atti relativi all'istruttoria prodotti dall'organo accertatore) resta sospeso per tutto il periodo intercorrente tra la data di notifica del provvedimento di fissazione dell'udienza e l'udienza medesima.

23 ottobre 2013 · Carla Benvenuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca