I costi del mancato o del ritardato pagamento di una bolletta relativa alla fornitura di elettricità

Se un cliente con contratto a condizioni regolate dall'Autorità (servizio di maggior tutela), paga la bolletta dopo la scadenza indicata, il venditore può chiedergli gli interessi di mora, per i giorni di ritardo, a un tasso pari al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea (BCE) aumentato del 3,5%.

Se, per esempio, il tasso di riferimento è al 3%, il tasso di mora che può essere applicato ai clienti morosi sarà del 6,5% annuo.

Il venditore può richiedere anche il pagamento delle sole spese postali per l'invio del sollecito.

Se un cliente con un contratto nel mercato libero, invece, paga dopo la scadenza indicata sulla bolletta stessa, il venditore può chiedere gli interessi di mora e le spese previste dal contratto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Ti trovi nella sezione debiti origine conseguenze tutele ► tutela consumatori ► tutela consumatori - acqua luce e gas ► Morosità per forniture di energia elettrica » Informazioni utili ► 3

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i costi del mancato o del ritardato pagamento di una bolletta relativa alla fornitura di elettricità. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info