L'operatore uscente non dispone di strumenti adeguati per tutelare il proprio credito nei confronti dei clienti morosi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ormai da tempo esisteva il fenomeno dei “morosi elettrici”, che fidavano sul fatto che il precedente operatore non disponeva più di strumenti efficaci per tutelare il proprio credito.

Così, era stato elaborato il sistema indennitario, con l'introduzione del corrispettivo C-mor, ora bocciato dai giudici amministrativi

A formalizzare il ricorso al Tar era stata la Edison, sostenendo l'illegittimità del meccanismo sotto due profili.

Dapprima quello concorrenziale, perché a pagare per le morosità era l'operatore entrante con una pratica di "cessione del credito" del tutto impropria, e non il vecchio gestore, che evidentemente non era stato capace di esigere i suoi crediti. E infine, quello regolamentare, perché l'Autorità con questo meccanismo avrebbe travalicato i suoi poteri e il suo mandato istituzionale.

Il Tar della Lombardia ha accolto il ricorso. Ma l'Authority per l'energia non si rassegna e annuncia un appello, chiedendo la sospensiva della sentenza.

La battaglia va avanti, con da una parte la possibilità del Regolatore di interferire su un regime di concorrenza senza una precisa norma che ne preveda esplicitamente un potere di intervento. Dall'altra, invece, in gioco c'è l'antica contrapposizione tra economia di mercato e tutela della collettività.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Simone di Saintjust 9 ottobre 2013 at 12:37

    L'Autorità per l'Energia ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato, dopo che il Tar Lombardia ha annullato le disposizioni istitutive, varate proprio da Aeeg, per il Sistema Indennitario sulla complessa procedura prevista di contestazione delle morosità, sulle modalità di annullamento e sospensione delle richieste di indennizzo e sui rischi per l'utente in caso di attivazione di forniture abusive (C-MOR).

    Il Consiglio di Stato, ad oggi, non si è ancora espresso.