Il procedimento per la liberazione coattiva del debitore

Il procedimento di convalida dell'offerta reale e del successivo deposito liberatorio, relativi ad obbligazioni aventi ad oggetto una somma di denaro, é un giudizio di liberazione coattiva del debitore, essendo la sentenza che lo definisce volta ad estinguere il debito, accertando la validità del deposito a favore del creditore.

Oggetto di tale procedimento é la verifica della ritualità di tutte le modalità, formali e temporali, prescritte dalla relativa disciplina normativa affinché il debitore si liberi delle sua obbligazione.

In pratica, il procedimento di convalida dell'offerta reale, o dell'offerta per intimazione e del successivo deposito, libera il debitore dalla sua obbligazione soltanto quando il deposito è accettato dal creditore o è dichiarato valido con sentenza passata in giudicato, non essendo sufficiente, per la liberazione coattiva del debitore, che questi abbia rispettato le modalità, formali e temporali, prescritte dalla disciplina dell'offerta e del deposito contenuta nel codice civile, se non seguite dal giudizio di convalida, conclusosi positivamente.

Insomma, mora credendi e liberazione del debitore non coincidono, in quanto la costituzione in mora del creditore e la conseguente offerta di restituzione valgono unicamente a definire il momento di decorrenza degli effetti della mora, il passaggio del rischio della cosa a carico del creditore, la cessazione del corso degli interessi, gli obblighi di risarcimento del danno e di rimborso delle spese a carico del creditore.

Dunque, tra gli effetti della mora del creditore non vi è la liberazione del debitore, subordinata, dalla legge, all'esecuzione del deposito accettato dal creditore o dichiarato valido con sentenza passata in giudicato. Corollario di questo principio è quello per il quale fintantoché il debitore non è liberato dall'obbligazione con l'esecuzione del deposito accettato dal creditore o dichiarato valido con sentenza passata in giudicato, il creditore è legittimato all'azione esecutiva, anche se costituito in mora credendi.

In particolare, la liberazione del debitore dall'obbligazione restitutoria può essere chiesta anche in sede di opposizione a precetto ovvero di opposizione all'esecuzione, formulando apposita domanda e fornendo la prova dei fatti allegati.

Così i giudici di legittimità hanno esposto i concetti di mora debendi, mora credendi, estinzione dell'obbligazione e liberazione del debitore nella sentenza della Corte di cassazione numero 8711/15.

2 maggio 2015 · Marzia Ciunfrini

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il procedimento per la liberazione coattiva del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Il procedimento per la liberazione coattiva del debitore Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 2 maggio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela debitore - difesa dalle scorrettezze Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca