Milano: dal mutuo per la prima casa al fondo sostegno affitti - questi i bandi aperti per la casa

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Fondi pubblici per un mutuo o un affitto più leggero e presto una vera e propria Agenzia per l'accoglienza destinata agli studenti. Sono diverse le iniziative assunte dalle istituzioni locali per aiutare chi vive a Milano ad affrontare l'oneroso capitolo “casa”. Ecco a chi rivolgersi.

FONDO SOSTEGNO AFFITTI

E' aperto da metà luglio e scade il 31 ottobre 2008 il bando Comune per l'assegnazione di contributi a integrazione dei canoni di locazione per le famiglie in condizioni economiche disagiate (legge 431/98 e della Legge Regionale 2 del 14/01/2000).

Le domande di partecipazione al bando dovranno essere presentate entro il 31 ottobre 2008 presso le sedi ALER e i CAAF. «E' stimabile - ha detto l'assessore alla Casa Gianni Verga  - che anche quest’anno si possano aiutare circa 9mila famiglie in difficoltà con il pagamento degli affitti».

Possono partecipare i residenti nel Comune di Milano che vivono in un'abitazione in affitto, con un contratto regolarmente registrato, che possiedono i requisiti previsti dal bando. Le graduatorie saranno pubblicate successivamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (BURL). Quest’anno, a fronte di 9 mila richieste previste, le risorse a disposizione per Milano ammontano a circa 13 milioni di euro.

FONDO PER I MUTUI
Resta aperto anche il bando per il sostegno al pagamento del mutuo sulla prima casa destinato alle famiglie numerose erogato da Regione Lombardia che proprio a metà luglio ha deciso di alzare di allargare le maglio. La soglia di accesso passa da 25 a 30mila euro di reddito Isee (parametro europeo per misurare la “ricchezza”). Il contributo stesso passa da 5 a 6mila euro. Altra novità sono le categorie che possono usufruirne. Non più solo alle giovani coppie (cioè quelle sposate tra il 1 ottobre 2007 e il 30 giugno 2009 e i cui componenti non abbiano compiuto 40 anni alla data di presentazione della domanda), ma anche a gestanti sole, genitori soli con uno o più figli minori a carico e nuclei famigliari con almeno tre figli.

Per poter accedere ai contributi, sarà necessario per tutti aver rogitato tra il 1 ottobre 2007 e il 30 giugno 2009. Il valore dell'alloggio acquistato dovrà essere tra 25.000 e 200.000 euro e il mutuo non potrà avere durata inferiore a 5 anni. A disposizione ci sono 40 milioni di euro, 25 dei quali vanno alle "giovani coppie" e 15 alle altre tipologie di famiglie. Le domande dovranno essere presentate esclusivamente presso i Caaf (Centri autorizzati di assistenza fiscale) convenzionati con la Regione Lombardia. Anche il Comune si sta muovendo in questa direzione conuna delibera ad hoc tra l'assessorato delle Politiche sociali e quello della Casa.

Gli uffici sono al lavoro in questi giorni per la definizione mentre sul fronte universitario si è sbloccata la situazione relativa al piano dell'Anci. Milano riceverà i fondi necessari all'Agenzia per l'accoglienza che avrà sede nello stabile di Piazzale Dateo e diversi punti-contatto sul territorio

3 settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anonimo 5 novembre 2008 at 16:34

    Sposa il figlio di Berlusconi. Anonima

1 2