Milano - Contro la crisi, microcredito ai lavoratori

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

A partire dal prossimo marzo i lavoratori di Milano e provincia, colpiti dalla crisi economica, siano essi autonomi o dipendenti, subordinati o flessibili o ancora precipitati nella disoccupazione, potranno contare su uno speciale e agevolato accesso al credito messo a disposizione dalla neonata «Fondazione Welfare Ambrosiano».

Fondatori della onlus, che parte con un capitale sociale di 8 milioni di euro, sono il Comune di Milano, la Provincia, la Camera di Commercio e Cgil, Cisl e Uil. Furono proprio i sindacati confederali a proporre un anno e mezzo fa alle istituzioni locali questo progetto, che vede oggi la luce in un momento di crisi economica. «Con questa iniziativa - ha spiegato il sindaco di Milano Letizia Moratti, che da statuto sarà il presidente della Fondazione - vogliamo dare una risposta che coniughi lo sviluppo con le politiche sociali.

Tramite lo strumento innovativo del microcredito, potranno accedere a mutui a tassi agevolati quei lavoratori svantaggiati colpiti dalla crisi che non possono dare garanzie alle banche». Il prestito a tasso agevolato è stato pensato proprio perchè «non volevamo fare dell'assistenzialismo ma dare un aiuto concreto».

E anche se questo progetto è stato pensato in tempi in cui la crisi dell'economia era lontana e imprevedibile, come ha sottolineato il segretario generale della Camera del Lavoro di Milano, Onorio Rosati, adesso rappresenta una risposta utile per i cittadini. Rosati ha colto l'occasione della presentazione della Fondazione, questa mattina, per chiedere al sindaco (che ha subito risposto positivamente) l'apertura di un tavolo anticrisi per Milano.

13 gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.