Microcredito e responsabilità sociale delle banche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Nei paesi del sud del mondo il microcredito è lo strumento finanziario per persone sulla soglia di povertà, mentre nei paesi occidentali il microcredito è un sistema possibile di erogazione di fondi sganciato dalla richiesta di garanzie reali e accordato su base fiduciaria alle microimprese. E' quanto emerge da una ricerca condotta dall'Osservatorio sulla Finanza per i piccoli operatori economici Nomisma-CRIF.

Il rapporto mette in luce come in cima alle preoccupazioni delle microimprese nel rapporto con le banche siano il costo del credito e la richiesta delle garanzie reali: il costo del credito è troppo elevato per il 48,32% delle imprese, la banca è troppo rigida nella richiesta di garanzie per il 46,42%, l'iter procedurale per l'accesso al credito è troppo complesso per il 30,96%, i tempi di accesso troppo lunghi per il 29,49%.

Da ciò emergerebbe un'esigenza, da parte di attività che trovano difficile bancabilità perché ritenute troppo rischiose come l'innovazione, i servizi sociali, il terzo settore, di valutazioni qualitative oltre che quantitative per poter accedere al credito.

20 agosto 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.