La mediazione civile

La mediazione civile, preventivamente autorizzata dall'assemblea come tentativo propedeutico all'avvio di un'azione forzosa, rappresenta uno strumento economico, rapido ed efficace per soddisfare le evidenti esigenze di tutte le parti interessate alla morosità.

Alla mediazione civile può partecipare, per conto del condominio, l'amministratore, con o senza assistenza legale.

Entro 30 giorni amministratore, condomino moroso e mediatore si incontrano presso l'Organismo di Mediazione accreditato al Ministero della Giustizia, ed entro 3 mesi le parti devono concludere il procedimento.

La mancata partecipazione o la mancata accettazione di una proposta del mediatore possono generare gravi effetti nel giudizio, importante incentivo al buon esito stragiudiziale della controversia.

La mediazione civile ha costi assolutamente contenuti: l'intero procedimento infatti, fino a morosità di €.25.000,00, ha un costo compreso fra €.43,00 ed €.240,00 che può essere del tutto gratuito grazie ad un sistema di crediti d'imposta IRPEF (unico costo €.40,00 + Iva di diritti di segreteria) salvo l'eventuale assistenza legale che però, nel caso di specie, è facoltativa.

Il costo è invece zero se a seguito di un primo incontro di programmazione non si dovesse raggiunge l'accordo o si dovesse rilevare che il condòmino moroso non ha partecipato.

I costi della mediazione civile possono essere concordemente stabiliti in capo al condomino moroso senza che il procedimento generi alcun costo per il condominio.

Il condomino moroso, evitando le conseguenze di un'azione giudiziaria, troverà ampi benefici nel sottoscrivere un accordo che, non appena sottoscritto, lo esclude dal novero dei morosi e lo protegge da ogni possibile danno derivante da un'azione giudiziaria.

Il tutto, amministrato in meno di 3 mesi, garantisce al condominio flussi di cassa positivi in tempi certamente più rapidi di ogni possibile esito derivante dall'azione giudiziaria, non genera attriti nel rapporto condòmino/amministratore tutelando gli equilibri delle maggioranze assembleari (e quindi l'incarico professionale dell'amministratore), consente di sottoscrivere piani di pagamento sostenibili con i fornitori, tutela il patrimonio condominiale.

Secondo le statistiche disponibili, oltre il 90% dei recuperi credito condominiali tramite il procedimento di mediazione civile si conclude con accordo, e oltre il 50% con costi zero in capo al condominio.

Il verbale di accordo infine rappresenta, in presenza degli avvocati o in caso contrario salvo omologa, titolo esecutivo valido anche per l'esecuzione forzata e il pignoramento immobiliare, evitando così, in caso di successiva inadempienza, il ricorso al decreto ingiuntivo, con un evidente risparmio in termini di costi e di aggravio procedurale.

7 marzo 2014 · Tullio Solinas

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.