Lo scioglimento della comunione legale

La comunione cessa con lo scioglimento: lo scioglimento, secondo l'articolo 191 del Codice Civile può aversi: per la dichiarazione di assenza o di morte presunta di uno dei coniugi; per l'annullamento, lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio; per la separazione personale, per la separazione giudiziale dei beni; per il mutamento convenzionale del regime patrimoniale e per il fallimento di uno dei coniugi (per le aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio lo scioglimento della comunione può essere deciso dai coniugi, pena nullità, solo con atto pubblico, che per essere opponibile ai terzi dev’essere annotato a margine dell'atto di matrimonio).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca