Mantenimento figlio dopo divorzio » Il fatto

A protestare è un uomo, divorziato, e obbligato, secondo quanto deciso in Tribunale, non solo a provvedere all'ex moglie, con un assegno mensile da 826 euro, ma anche al mantenimento dei due figli, con un contributo mensile di quasi 1.200 euro.

Ma il vero scoglio è rappresentato dalla quota riservata per il figlio più grande, laureato in Medicina, già sopra ai 30 anni, e con alcune collaborazioni professionali alle spalle.

Secondo il padre è discutibile ipotizzare una non raggiunta indipendenza economica del figlio più grande, ma per i giudici, sia in Tribunale che in Corte d'Appello, invece, il giovane non aveva raggiunto una propria completa autosufficienza economica.

Fondamentale la constatazione che il 30enne aveva lavorato solo per un breve periodo di tempo con retribuzione irrilevante, prima all'estero e poi in Italia con brevi collaborazioni con cliniche private, e ora, per giunta, doveva frequentare la scuola di specializzazione.

L'uomo, contestando duramente queste due sentenza, propone ricorso per Cassazione.

Ma la prima sezione civile, in linea con la Corte capitolina, ha ritenuto che l'obbligo del padre al mantenimento del figlio, non cessa con il raggiungimento della maggiore età da parte di questi ultimi.

Infatti, come da consolidata giurisprudenza, è necessario dimostrare che il figlio abbia raggiunto l'indipendenza economica, oppure che il mancato svolgimento di un'attività economica dipende da un atteggiamento di inerzia ovvero di rifiuto.

Ma, aggiungono subito gli Ermellini, questa valutazione va fatta applicando criteri di relatività, tenendo cioè conto di aspirazioni, percorso scolastico, universitario e post universitario» del ragazzo e, soprattutto, avendo ben presente la situazione attuale del mercato del lavoro.

In questa ottica, è decisivo il richiamo al percorso, di studio e professionale, compiuto dal giovane, e caratterizzato, alla fine, da lavori con retribuzioni risibili.

Insomma, nonostante il figlio avesse trent'anni e avesse lavorato solo per un breve periodo di tempo con retribuzione e che doveva ancora frequentare la scuola di specializzazione, non aveva raggiunto una propria completa autosufficienza economica: per questo, secondo Piazza Cavour, è legittima la misura dell'assegno del contributo di mantenimento presa dai giudici di merito. Ricorso respinto.

10 giugno 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca