Il protesto serve a legittimare le azioni di regresso contro gli ulteriori giratari

E' indubitabile che l'articolo 45 della legge sugli assegni bancari richieda la formalità del protesto al solo fine di legittimare le azioni di regresso contro gli ulteriori giratari. La norma in questione in effetti sancisce espressamente che il beneficiario mantiene i suoi diritti contro il traente anche qualora il protesto non sia stato levato.

Tale conclusione trova del resto conforto nella giurisprudenza in materia (cfr. ad es. Cass. 4.5.1978, numero 2090) secondo la quale la mancata levata del protesto dell'assegno non importa decadenza dall'azione di regresso contro il traente, nei cui confronti il portatore dell'assegno mantiene integri - a norma del secondo comma dell'articolo 45 del regio decreto 21 dicembre 1933, numero 1736 -  i suoi diritti.

Ora, se l'assegno è, ad esempio, di importo superiore a 999 euro (e quindi non trasferibile) ciò esclude a priori la circolabilità del titolo al di fuori dell'ambito soggettivo costituito dai titolari del rapporto causale.

Dovrebbe pertanto concludersi che la mancata levata del protesto - non essendo di per sé tale da pregiudicare l'esercizio dell'azione cartolare da parte del benificiario contro il traente insolvente - non determini alcun danno al beneficiario. E che quindi, per un assegno di importo superiore a 999 euro il protesto sia inutile, dal momento che resta impregiudicata l'azione di regresso verso il traente.

E' questa la linea difensiva adottata dalle banche quando per motivazioni spesso riconducibili a rapporti poco trasparenti con il traente, non procedono a levare, come dovrebbero, il protesto dell'assegno privo dei fondi necessari.  Incorrendo in comportamenti senz'altro illegittimi, oltre che semplicemente inadempienti ed omissivi.

La funzione del protesto, infatti, non è soltanto quella di impedire la decadenza dalle azioni di regresso, che ormai, come dicevamo, con l'introduzione della non trasferibilità di assegni con importo superiore a 999 euro è peraltro garantita.

Il protesto serve a far attestare, in forma pubblica, e ad ogni altro possibile effetto, il mancato pagamento da parte dell'obbligato "ex titulo" (così in particolare, Cass. 10.3.2000, numero 2742). Tale funzione è stata coerentemente riaffermata anche dall'Arbitro Bancario Finanziario, il quale pone giustamente l'accento sull'efficacia coercitiva del protesto connessa al regime di pubblicità che è ad esso proprio.

arbitro bancario finanziario - guida pratica alla risoluzione stragiudiziale delle controversie bancarie

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il protesto serve a legittimare le azioni di regresso contro gli ulteriori giratari.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.