La natura dell'usura come fenomeno sommerso

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La costante e insidiosa presenza dell'usura nel tempo non ne ha modificato la natura di “fenomeno sommerso”, privo di tracce e manifestazioni chiare e visibili. Poiché le vittime versano tipicamente in un particolare stato di dipendenza psicologica nei confronti dell'usuraio, gli accertamenti da parte delle autorità investigative sono particolarmente difficoltosi.

In tutte le epoche e in ogni sistema economico, dunque, l'usura ha sempre trovato terreno fertile per l'ingiusta aggressione dei beni delle famiglie e per l'indebolimento o l'annientamento del patrimonio delle imprese e delle loro attività produttive.

L'impiego usurario di capitali rappresenta un punto d'incontro tra richiesta e offerta di credito al di fuori dei canali legali. In via generale le vittime dell'usura possono riassumersi nelle seguenti categorie:

  • famiglie, per la richiesta del denaro necessario alle necessità quotidiane oppure per affrontare circostanze impreviste;
  • commercianti e artigiani, bisognosi di liquidità per sopportare le spese di avviamento o per superare fasi di difficoltà dovute all'aumento delle spese o alla diminuzione della domanda;
  • piccoli imprenditori, per l'approvvigionamento delle risorse economiche necessarie a sostenere i costi, a sopperire a cali della domanda, a superare crisi congiunturali.

Dal lato dell'offerta la figura dell'usuraio può corrispondere ad una delle seguenti tipologie:

  • l'usuraio “di quartiere” che offre credito, impiegando proprie risorse, a famiglie o a commercianti ed artigiani che si trovano in momentanea difficoltà economica;
  • ad un livello superiore si colloca l'usuraio che opera anche per conto di altri soggetti che mettono a disposizione i mezzi finanziari; generalmente si presenta come finanziatore di commercianti, artigiani o piccole imprese che si trovano in crisi di liquidità per fatti congiunturali o necessitano di risorse finanziarie per scelte aziendali;
  • le organizzazioni che praticano l'usura a un livello più sofisticato sono quelle legate alla criminalità organizzata; in tale ambito l'usura diventa strumento di accumulazione da cui muovere per la rilevazione delle imprese o l'investimento in attività illecite; non va neanche sottovalutata la possibile connessione tra il reato di usura e quello di riciclaggio.

L'usura può costituire la fase di impiego illecito di disponibilità di provenienza criminale, reinvestite per ottenere un ulteriore lucro. Essa, in tal modo, colpisce l'economia sana alterando il meccanismo fisiologico di allocazione delle risorse. Oggi le istituzioni e gli organismi a vario titolo interessati alla lotta al fenomeno, svolgono un ruolo fondamentale nell'opera di prevenzione attraverso la diffusione di una cultura dell'uso responsabile del denaro e la costante informazione sulle insidie del ricorso al credito illegale. Nonostante la grave e persistente insidia del fenomeno, da qualche tempo le sue vittime non sono più sole. La più incisiva azione repressiva e il sostegno offerto ai soggetti in difficoltà incominciano a dare nel nostro Paese i primi risultati: non sono pochi i casi in cui - quando si trova il coraggio di denunciare le vessazioni - l'usuraio è assicurato alla giustizia e le sue vittime ritrovano le condizioni per ricominciare dignitosamente la propria attività economica e assaporare una nuova qualità della vita.

9 novembre 2007 · Loredana Pavolini

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.